Interazione fra inquinamento e genetica: aumento rischio Alzheimer
Leggi tutto
Cellule Killer contro virus e tumori
Leggi tutto
Come lo stress aumenta il rischio di malattie cardiache e ictus
Leggi tutto
Dieta Occidentale: mangiare troppo e obesità
Leggi tutto
Nivolumab e Pembrolizumab: nuovi farmaci contro il cancro
Leggi tutto
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • Interazione fra inquinamento e genetica: aumento rischio Alzheimer
  • Cellule Killer contro virus e tumori
  • Come lo stress aumenta il rischio di malattie cardiache e ictus
  • Dieta Occidentale: mangiare troppo e obesità
  • Nivolumab e Pembrolizumab: nuovi farmaci contro il cancro
Le principali Strutture Sanitarie dell'ASL unica Città di Torino
Ospedale Amedeo di Savoia - Ora Nuovo Polo Sanitario Territoriale
+
Ospedale Maria Vittoria
+
Ospedale San Giovanni Bosco
+
Ospedale Oftalmico - Ora Nuovo Poliambulatorio
+
Ospedale Martini
+
  • Alcuni accorgimenti e consigli per evitare l'influenza
    Non esiste una strategia perfetta per non ammalarsi d'influenza, soprattutto nei mesi invernali ed alle nostre latitudini, ma è possibile limitare le occasioni tipiche che ne favoriscono la comparsa. Qui di seguito sono riportanti alcuni accorgimenti e consigli.
  • Evitare le rapide escursioni termiche
    I rapidi cambiamenti di temperatura a cui sottoponiamo i nostri corpi possono rallentare o bloccare il movimento delle ciglia che rivestono le pareti dei bronchi. Questo può favorire l'insorgere di sindromi influenzali per via del possibile accumulo di microrganismi nelle vie respiratorie.
  • Evitare, se e quando possibile, il contagio.
    L'igiene della persona, e delle mani in particolare, è la prima forma di prevenzione per evitare il contagio influenzale, nonché altre malattie causate da virus o batteri. Si consiglia di usare un sapone neutro, solido o liquido, dal momento che non ha un'azione aggressiva nei confronti dell'epidermide.
  • Umidità e aria fresca
    Il livello di umidità dell'aria di casa dovrebbe essere compreso fra il 40% ed il 60%, quindi né troppo secco né troppo umido. Inoltre è bene cambiare l'aria degli ambienti almeno due volte al giorno, se possibile.
  • Evitare le carenze nutrizionali
    In ogni stagione dell'anno, ma soprattutto in inverno, è bene evitare di praticare diete troppo rigide o comunque carenti di vitamine e minerali, a meno che non ci siano dei motivi particolari di natura medica. Un'alimentazione ricca di nutrienti di qualità è un'ottima difesa contro l'influenza.
  • Non fumare
    Purtoppo, i fumatori sanno bene quanto sia difficile smettere di fumare. Tuttavia, questo è uno dei mezzi per prevenire le malattie da raffreddamento ed influenzali. Non solo, ma se doveste prendervi l'influenza, potreste considerarla una buona occasione per smettere! Molti ne hanno approfittato e ci sono riusciti.

Prenotazione visite mediche ed esami clinici tramite SOVRACUP

Occorre avere:

1) L'impegnativa del medico o pediatra di libera scelta ( di base / di famiglia ) o dello specialista.

2) La tessera sanitaria con codice fiscale.

840 705 007 da telefono fisso oppure 0115160666 da cellulare

Questa procedura presenta delle differenze tecniche per utenti e personale, in caso di utilizzo della "ricetta elettronica dematerializzata", entrata in vigore dal mese di luglio del 2014 per i farmaci e dal 1 marzo 2015 per le visite specialistiche e per gli esami diagnostici.

L'ASL Città di Torino e la Sanità torinese - Parola d'ordine: "Unificazione"

Torino

 

Le ASL o AA.SS.LL. o Aziende Sanitarie Locali sono Strutture Sanitarie che contengono di per sé, già nella loro definizione, le caratteristiche principali che le contraddistinguono, anche se la loro denominazione può variare, in Italia, da Regione a Regione.

- Aziende: sono Enti Pubblici afferenti alla Pubblica Amministrazione Italiana che erogano Servizi di natura Sanitaria i quali, al contempo, hanno i tratti tipici delle "aziende": personalità giuridica, autonomia organizzativa, autonomia gestionale, autonomia tecnica, autonomia amministrativa e patrimoniale, nonché svincolate da un'organizzazione centrale a livello nazionale, dal momento che dipendono dalle Regioni, dalle quali sono pagate. In pratica, le prestazioni sanitarie di cui la cittadinanza usufruisce presso le ASL, vengono poi pagate dalla Regione, in base alle sommatorie dei costi di visite mediche, esami clinici e diagnostici, etc. Sono anche Centri di Imputazione di Autonomia Imprenditoriale, secondo quanto affermato nell'Articolo 3 del Decreto Legislativo del 30 dicembre 1992, al Numero 502: "In funzione del perseguimento dei loro fini istituzionali, le Unità Sanitarie Locali si costituiscono in Aziende con personalità giuridica pubblica e autonomia imprenditoriale."

- Sanitarie: benché nelle ASL siano impiegate quattro tipologie di lavoratori con altrettanti ruoli (Sanitario, Professionale, Tecnico e Amministrativo), la componente Sanitaria è ovviamente la causa ed il fine di tutta l'attività che viene quotidianamente svolta in queste Strutture Sanitarie.

- Locali: le ASL hanno una natura tipicamente territoriale, anche se in alcune strutture viene svolta anche un po' di ricerca, condivisa con altre Regioni o con altri Paesi.

La prima forma di Assistenza Sanitaria Locale, in Italia, risale all'istituzione dell'INAM nell'anno 1943, Ente poi confermato dalla novella Repubblica Italiana nel 1947. Tutti i Servizi Sanitari Pubblici erano gestiti dalle cosiddette Casse Mutualistiche, da cui la definizione di "medico della mutua" per il "medico di medicina generale". Nel 1978 venne istituito il Servizio Sanitario Nazionale o SSN, e l'aspetto "territoriale" vide la competenza totale da parte di Enti Pubblici chiamati Unità Sanitarie Locali o USL o UU.SS.LL. Solo nel 1992, come accennato, le U.S.L. divennero A.S.L. ossia organi di competenza delle Regioni, pur avendo una propria soggettività giuridica ed autonomia; negli anni, le ASL sono state sempre più caratterizzate dalla componente imprenditoriale.

 

ASL Citta Di Torino Via San Secondo 29

 

Questo spazio web è un sito d'informazione che riguarda le Strutture Sanitarie torinesi e la Sanità in generale. Trovano largo spazio descrittivo l'ASL Città di Torino, con i suoi Presidi Ospedalieri, Poliambulatori, Ambulatori Territoriali, Residenze Sanitarie Assistenziali, Consultori Familiari e Pediatrici ed altri servizi; la Città della Salute e della Scienza, che comprende l'Ospedale Molinette San Giovanni Battista, l'Ospedale Dermatologico San Lazzaro, il CTO Centro Traumatologico Ortopedico, l'USU Unità Spinale Unipolare, l'Ospedale Infantile Regina Margherita, l'Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant'Anna, l'Istituto di Riposo per la Vecchiaia, l'Ospedale San Giovanni Antica Sede e l'Ospedale San Vito; l'Ospedale Cottolengo; l'Ospedale Mauriziano e l'Ospedale Gradenigo Humanitas. Oltre a questo, viene dato anche ampio spazio ad articoli di attualità, sempre riguardanti l'ambito sanitario, quali notizie di medicina, farmacologia, tecnologia, scienza, utilità sociale, assistenza spirituale, informazioni, trapianti e volontariato.

L'ASL unica Città di Torino o, più precisamente, Azienda Sanitaria Locale Città di Torino, è attiva dal 1° gennaio 2017, ed è il frutto dell'unificazione dell'ASL TO1 e dell'ASL TO2. Il Consiglio Regionale del Piemonte ha infatti approvato, in data 6 dicembre 2016, la proposta riguardante l'accorpamento delle suddette ASL TO1 e TO2 che coprivano l'intero territorio di questo Capoluogo di Regione, che comprende attualmente otto Circoscrizioni. La delibera in questione era stata presentata alla Giunta Regionale dall'Assessore alla Sanità Antonio Saitta, ed è stata approvata a maggioranza dalla IV Commissione. La sede centrale è in via San Secondo 29, naturalmente a Torino, mentre quella legale è in corso Svizzera 164.

Questo sito web ha anche numerose funzionalità "social", ossia tipiche dei social network o reti sociali online. L'iscrizione è aperta a tutti, ed in particolari agli utenti, ai dipendenti ed agli amici delle Strutture Sanitarie di Torino. I membri registrati in Salute Torino possono pubblicare testi, immagini e video, nonché intrecciare amicizie, scambiarsi messaggi, creare gruppi, eventi ed altro ancora. Buona navigazione a tutti!

Qui di seguito è possibile vedere un'intervista al Dott. Giovanni Maria Soro e al Dott. Valerio Fabio Alberti, prima dell'unificazione dell'ASL TO1 e dell'ASL TO2 nell'unica Azienda Sanitaria Locale denominata ASL Città di Torino, nonché un video riguardante la cosiddetta "dipendenza da gioco", identificata con il recente termine "ludopatia", disturbo psichico per il quale l'ASL ha attivato diversi servizi di aiuto.

 

                       

La sanità torinese e la sinergia delle scienze

Scienze Mediche

 

Anticamente, le scienze umane funzionavano in maniera "sinergica", ossia i sapienti dell'antichità, a partire dalla cosiddetta "storia nota" (da circa il 6.000 A.C. in poi), conoscevano più di una specialità. Chi era medico spesso era anche astronomo, erborista, filosofo o teologo, chi era architetto sovente era anch'esso conoscitore di altre discipline dello scibile umano, e così via. Ora, questo può apparire un po' antiquato, ai nostri giorni, sia perché alcune branche del sapere sono un po' "cadute in disuso in quanto non scientifiche", sia per via dell'enorme settorializzazione ed alta specializzazione della scienza contemporanea. Anche se i "Premi Nobel" vengono assegnati ai ricercatori e studiosi in base a poche discipline scientifiche ed umanistiche, economiche, sociali o politiche, in realtà gli uomini e le donne di scienza di oggi hanno solitamente una ristretta gamma d'indagine a loro disposizione; ad esempio, un biologo può essere un biologo molecolare, oppure uno studioso di fitochimica o di genetica. Anche se le nozioni di base sono le medesime, la specializzazione è divenuta altissima, soprattutto negli ultimi due secoli circa, anche perché la mole di conoscenze e dati a disposizione e da elaborare è divenuta veramente grande. Questo può essere un bene, ma a volte rischia di far perdere la visione d'insieme delle cose.

Ultimamente, tuttavia, anche grazie alle moderne tecnologie informatiche di comunicazione e di analisi dei dati provenienti dalle ricerche, si sta creando una collaborazione sempre più stretta fra i ricercatori. Anche se in tutto ciò, naturalmente, c'è anche un aspetto competitivo, l'unione sta facendo veramente la forza, come si suol dire. Questo è visibile soprattutto in campo medico e farmacologico. Non solo, quando possibile, i pazienti sono esaminati da più specialisti mediante "consulti" o simili, ma anche le strutture mediche stesse, in quanto luoghi di azione e di cura, stanno lavorando sempre più in un'atmosfera di rinnovata sinergia. Torino, per quanto possibile, è un ottimo esempio di quanto affermato. Le sue principali strutture sanitarie, soprattutto statali, quali l'ASL Città di Torino e la Città della Salute e della Scienza in particolare, stanno rivestendo un ruolo determinante in questa nuova sinergia del sapere e della pratica sanitaria. Negli ultimi decenni, infatti, le UU.SS.LL e poi AA.SS.LL. torinesi sono diminuite di numero, con una conseguente riorganizzazione logistica, tecnica, amministrativa e del personale medico e paramedico, fino ad arrivare alla recente unione dell'ASL TO1 e dell'ASL TO2 in un'unica entica, chiamata per l'appunto ASL Città di Torino. Alcuni giornali l'hanno definita "Super ASL" ma, al di là delle definizioni, il fatto che l'esempio della Città della Salute e della Scienza venga seguito, nel corso degli anni, è un segnale evidente di rinnovata unione, sia dal punto di vista lavorativo e del servizio all'utenza, sia dal punto di vista economico. La Città della Salute e della Scienza, con i suoi importanti Presidi Ospedalieri e Riabilitativi, ha anche il vantaggio di essere geograficamente coerente, in quanto tali strutture sanitarie sono molto vicine fra loro, ossia gli edifici che costituiscono tale complesso sono adiacenti o comunque prossimi.

Alcuni sostengono che tale avvicendamento possa creare un sofraffollamento delle strutture, ma se ciascuna di esse opererà in base alla propria caratteristica peculiare, vuoi di eccellenza oppure territoriale o altro, Torino potrebbe essere una delle città italiane in cui la sanità avrà un'azione veramente efficace, al di là dei problemi di tutti i giorni e delle emergenze di ogni tipo, tipiche di questo mondo altamente controllato e "asettico" ed allo stesso tempo incontrollabile quanto affascinante, che è il mondo della cura e, se possibile, della guarigione. Sì, perché l'obiettivo finale della medicina, ovviamente, è la guarigione o ristabilimento del malato, e la cura è la parte fondamentale in questo processo. Questo è lampante, anche se la parola "cura" può assumere diverse accezioni; ad esempio, la cura di un tumore operabile avviene mediante intervento chirurgico, mentre la cura di una persona che soffre di disturbi psichici comprende una sinergia di operazioni che vanno dai colloqui psichiatrici e psicologici alla somministrazione di farmaci, dalla psicoterapia alla riabilitazione sociale della persona, etc. Anche in questo caso, l'ASL Città di Torino si è dimostrata efficiente, in questi ultimi decenni, per via di numerose collaborazioni con Associazioni non a scopo di lucro o onlus, come esse sono giuridicamente definite. Emergenza, diagnosi, cura, intervento, diagnostica... tutto pare tornare ad una sorta di "sinergia" di stampo quasi olistico che, pur con le notevoli diversità, se ben condotta potrebbe rappresentare una versione moderna dell'antica sinergia delle scienze dei nostri padri terreni.

Anche l'aspetto spirituale non è certamente da sottovalutare; tutti gli ospedali torinesi, infatti, hanno una forma di assistenza spirituale, sotto forma di sacerdoti, cappelle, iniziative, incontri, assistenza ai malati ed alle persone indigenti, etc. In questo sito, nella sezione del menù "Notizie", è possibile leggere l'attuale regolamentazione del Comune di Torino in materia di assistenza ospedaliera nelle strutture sanitarie. Probabilmente la maggior parte delle persone ha oggi una visione più tecnica della cura, rispetto al passato, ma l'assistenza verso le persone, costituite da soma, psiche e pneuma (corpo, anima e spirito), non va certamente sottovalutata né disprezzata, come a volte è accaduto in molte parti del mondo, Italia compresa. I preti, infatti, negli ospedali non servono solo per dare "l'estrema unzione", ossia il Sacramento dell'Unzione degli infermi, ma anche per sostenerli in un percorso di sofferenza che può essere molto breve ma anche molto lungo, sia nelle sedi competenti, sia dal punto di vista domiciliare. I credenti, infatti, sanno che nel Vangelo si parla del fatto che gli Apostoli di Gesù Cristo "ungevano con olio i malati e li guarivano". Ora, se questo oggi non è purtroppo la norma, è però vero che l'assistenza spirituale può avere un'importanza notevole, nei vari percorsi di cura e d'intervento, sociale e sanitario.

I farmaci generici o equivalenti in Italia e in altri Paesi - Definizioni, pareri e normative.

Farmaci Generici Economia

 

In alcuni Paesi, come il Brasile e la Francia, più del 20% di tutti i farmaci venduti sono generici o equivalenti. Un farmaco equivalente è una sostanza medicinale che equivale ad un prodotto di marca per quanto riguarda il principio attivo, il dosaggio, l'utilizzo, la capacità curativa, la via di somministrazione, la qualità, la farmacocinetica, la biodisponibilità ed altre prestazioni. Le definizioni di "farmaco generico" e di "farmaco equivalente" si riferiscono anche a qualsiasi farmaco che viene commercializzato con il suo nome chimico senza pubblicità, o comunque con il nome della molecola o delle molecole che ne costituiscono il principio attivo, a prescindere dalla marca del farmaco "originale".

Anche se non vengono solitamente associati ad una particolare azienda, il nome dell'industria farmaceutica che li produce dev'essere chiaramente espresso, ed i farmaci generici o equivalenti sono di solito soggetti alle leggi vigenti nei Paesi in cui vengono erogati. Essi sono etichettati con il nome del produttore ed un nome "non proprietario", ossia "generico". Un farmaco equivalente deve contenere gli stessi principi attivi della formula commercializzata dal marchio originale. L'Ente principale che regolamenta i farmaci e gli alimenti negli Stati Uniti, la FDA o Food and Drug Administration, richiede che i farmaci generici siano identici ai loro omologhi di marca, o comunque "all'interno di un accettabile intervallo di bioequivalenza". L'utilizzo della parola "identico" da parte della FDA è un'interpretazione giuridica e non letterale. Alcune sostanze biofarmaceutiche come gli anticorpi monoclonali possono essere biologicamente diversi da molecola a molecola. Le versioni generiche di questi farmaci sono note come "farmaci biosimilari", ed il loro impiego avviene in base ad un'estesa serie di regole.

Nella maggior parte dei casi, i farmaci equivalenti sono disponibili dopo la scadenza dei brevetti concessi ai produttori dei farmaci originali. Dopo che i farmaci generici arrivano sul mercato, la concorrenza fra le industrie farmaceutiche porta spesso ad una considerevole riduzione dei prezzi, ovviamente per quanto riguarda le sostanze medicinali equivalenti, ma anche per quanto concerne i farmaci originali o "di marca". Nella maggior parte dei Peasi, i brevetti durano 20 anni, Italia compresa. Tuttavia, in alcuni Stati e regioni geografiche, come l'Unione Europea e gli Stati Uniti, possono essere concessi cinque anni in più di propietà del brevetto alle industrie, se i produttori raggiungono degli obiettivi specifici, come ad esempio lo svolgimento di studi clinici per i pazienti pediatrici. I produttori, i grossisti o distributori, le assicurazioni e le farmacie possono tutti aumentare i prezzi dei farmaci nelle varie fasi di produzione e distribuzione. Nel 2014, secondo un'analisi della Generic Pharmaceutical Association, i farmaci equivalenti hanno rappresentato circa l'88% dei 4,3 miliardi di prescrizioni effettuate negli Stati Uniti.

In Italia i farmaci generici o equivalenti sono venduti da circa vent'anni. Non a caso, nel 1996 venne costituita l'Assogenerici, ossia l'Associazione dei produttori di farmaci equivalenti e di medicinali biosimilari. Nel 2016, durante la celebrazione del raggiungimento di questo traguardo ventennale, il Presidente di questa Associazione, Enrique Häusermann, ha affermato che dall'anno 2000 ad oggi, grazie all'utilizzo di farmaci equivalenti e biosimilari, lo Stato Italiano ha risparmiato circa 4 miliardi di euro. Anche se il 35% circa degli italiani sceglie di acquistare i farmaci equivalenti, più nelle Regioni del Nord che in quelle del Sud, gli altri cittadini prediligono ancora i farmaci di marca, anche se occorre pagare la differenza, per una spesa che si aggira complessivamente intorno ai 980 milioni di euro l'anno. In tutto ciò si ha inoltre una sorta di "paradosso": in pratica, nelle Regioni d'Italia più "povere" si hanno le percentuali maggiori di acquisti di farmaci originali. Anche se il mercato farmaceutico italiano non è totalmente allineato con quello europeo in generale, l'utilizzo dei farmaci equivalenti ha fatto comunque calare i prezzi dei farmaci originali, complessivamente di circa il 15%.

In particolare, il settore sanitario pubblico (SSN o Servizio Sanitario Nazionale) e quello privato accreditato o convenzionato, da parecchi anni utilizza quasi totalmente farmaci generici o equivalenti, nonché le sostanze medicinali biosimilari. Chiaramente questo è dovuto alla necessità di ridurre la spesa statale, ed in questo caso tale riduzione non "pesa" affatto sulle spalle dei cittadini. Per quanto riguarda il panorama sanitario torinese, costituito principalmente dall'ASL Città di Torino, dalla Città della Salute e della Scienza (Ospedale Molinette San Giovanni Battista, Ospedale Dermatologico San Lazzaro, Ospedale Infantile Regina Margherita, Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant'Anna, Centro Traumatologico Ortopedico o CTO, Ospedale San Giovanni Antica Sede, Ospedale San Vito, Istituto di Riposo per la Vecchiaia ed altre Strutture), nonché dagli Ospedali Cottolengo, Mauriziano, Gradenigo ed altri Presidi Ospedalieri, la situazione è esattamente come sopra descritto: quasi totale impiego di farmaci equivalenti. La Farmacia Ospedaliera più grande d'Italia, fra l'altro, è proprio quella della Città della Salute e della Scienza, dato che gestisce tutte le Strutture Sanitarie sopra elencate. Questa struttura si occupa dell'acquisto e della distribuzione di tutte le sostanze medicinali utili ai pazienti interni ed esterni afferenti a questi Presidi Ospedalieri. Dato che la spesa complessiva annuale si aggira sui centoventi milioni di euro, è facile comprendere il risparmio ottenuto grazie all'impiego dei farmaci equivalenti o biosimilari.

 

 

Nelle AA.SS.LL. o Aziende Sanitarie Locali d'Italia, i farmaci equivalenti seguono all'incirca il percorso di tutte le sostanze medicinali che vengono acquistate e distribuite, ed i passaggi più importanti sono i seguenti: 1) Acquisizione (gare aziendali, gare centralizzate, gare a pacchetto, HTA). 2) Prescrizione (prontuari e prescrizioni dei principi attivi). 3) Erogazione e continuità assistenziale presso le farmacie ospedaliere ed i servizi territoriali (H-T). 4) Monitoraggio e vigilanza sulla spesa farmaceutica (informazione scientifica per i medici ed i pazienti, liste di trasparenza, piani di rientro regionali, commissioni sull'appropriatezza prescrittiva). 5) Sicurezza del paziente (farmacovigilanza, che consiste soprattutto in un lavoro che spetta ai medici di base e specialisti, controllo del rischio clinico dovuto ad errori riguardanti le terapie farmacologiche).

Le sperimentazioni antecedenti la messa in commercio dei farmaci equivalenti, in Italia, sono controllate da un Ente regolatore certificato, che è l'AIFA o Agenzia Italiana del Farmaco, che stabilisce l'efficacia e la sicurezza di queste sostanze. Al termine di questo iter di sperimentazione pre-clinica e clinica, di varia natura, l'AIFA emette l'Autorizzazione all'Immissione in Commercio o AIC per quanto riguarda i farmaci. Tuttavia, l'attività dell'AIFA non termina con questa "dichiarazione", poiché essa continua un'attività di monitoraggio e di controllo, al fine d'identificare eventuali effetti indesiderati o collaterali non emersi precedentemente, provvedendo di conseguenza. Le leggi attualmente vigenti in Italia, tuttavia, non regolamentano il tipo e la quantità degli eccipienti che vengono associati al principio attivo, al fine di produrre i farmaci veri e propri, sotto varie forme e vie di somministrazione. Gli eccipienti sono, ad esempio, coloranti, edulcoranti, aggreganti o leganti, che hanno il ruolo di rivestire il principio attivo, di tenere insieme il tutto e di dare un particolare sapore e colore ai farmaci. Solitamente i farmaci equivalenti sono ben tollerati, tuttavia può capitare che sopraggiungano degli effetti indesiderati dovuti agli eccipienti, come intolleranze o allergie, oppure può variare un po' la farmacocinetica e la biodisponibilità; in pratica, alcuni eccipienti possono modificare leggermente il rilascio del principio attivo nell'organismo, rispetto ai farmaci originali, anche se questi sono casi piuttosto rari. Un caso particolare, comunque ormai ben noto, riguarda la possibile presenza di glucosio come eccipiente, il quale è potenzialmente pericoloso per i pazienti diabetici. Tornando al discorso della "fabbricazione" di questi prodotti, è interessante notare che alcuni farmaci generici sono "più equivalenti" di altri, nel senso che alcune industrie farmaceutiche, dopo la scadenza di un determinato brevetto, decidono di continuare a produrre il farmaco in questione come "equivalente".

 

Campagna Pubblicitaria Farmaci Equivalenti

 

I nomi dei farmaci generici o equivalenti sono formati utilizzando dei suffissi e dei prefissi standardizzati, che distinguono i singoli farmaci fra le varie classi ed all'interno di esse, suggerendo la loro azione. Quando una società farmaceutica commercializza un nuovo farmaco, di solito lo brevetta, e fino alla scadenza del brevetto può utilizzare questo composto in maniera proprietaria, escludendo in questo modo la concorrenza. Le aziende farmaceutiche che sviluppano nuovi farmaci, in genere investono solo in composti candidati ad avere una forte protezione brevettuale; questa è una strategia che mira a recuperare gli ingenti costi sostenuti, realizzando anche notevoli profitti. La spesa media che una società deve affrontare per lo sviluppo di una nuova entità chimica, ottenendo infine l'approvazione per la distribuzione commerciale, è stata stimata in circa 800 milioni di dollari nel 2013 e di 2,6 miliardi di dollari nel 2014. Finché durano i brevetti, che in vari modi possono essere prorogati, le società di marca godono di un periodo di esclusiva sul mercato, o di monopolio, durante il quale le aziende sono in grado di fissare i prezzi dei farmaci ad un livello utile a massimizzare il profitto. Questo guadagno, spesso, supera di molto i costi di sviluppo e di produzione dei farmaci, consentendo alle aziende di compensare i costi della progettazione, della ricerca, dei test, etc. rispetto ad altri composti farmacologici che non sono redditizi o che non superano le sperimentazioni cliniche.

Le grandi aziende farmaceutiche, spesso, spendono milioni di dollari per proteggere i loro brevetti dalla concorrenza dei farmaci generici o equivalenti. Oltre a poter farle vincere in eventuali contenziosi, questi brevetti possono anche consentire la riformulazione da parte di altre industrie farmaceutiche, ossia di società produttrici di farmaci equivalenti, con il permesso dei detentori dei brevetti. In questo modo tali aziende possono vendere il prodotto originale con un altro nome. In questo caso, i farmaci venduti da altre aziende sotto la licenza del titolare, sono definiti "generici autorizzati". I farmaci generici o equivalenti sono solitamente venduti a prezzi significativamente più bassi rispetto ai farmaci di marca, e con margini di profitto inferiori. Una ragione di questo guadagno inferiore consiste nel fatto che la concorrenza fra le ditte aumenta, quando un farmaco non è più protetto da un brevetto. Tuttavia, le aziende produttrici di farmaci equivalenti hanno meno costi di produzione, ed i prezzi inferiori da cui ricavano profitto consentono loro, comunque, di ottenere un reddito. I prezzi, inoltre, variano da Paese a Paese, con quelli più "poveri" che hanno spesso l'opportunità di pagare cifre inferiori per l'acquisto di questi farmaci. Ad esempio, la Thailandia ha importato milioni di dosi di un farmaco equivalente in grado di fluidificare il sangue ed utilizzato nella prevenzione degli attacchi cardiaci, di nome Plavix. Questo farmaco è fabbricato soprattutto in India, una delle maggiori Nazioni per quanto riguarda la produzione dei farmaci equivalenti, come la Cina, ed il governo della Thailandia lo ha pagato solo 3 centesimi di dollaro per ogni dose. Le aziende che fabbricano e vendono i farmaci generici, spesso, ricevono un certo beneficio dagli sforzi di marketing delle società di marca, fra cui pubblicità, presentazioni da parte degli informatori scientifici, convegni e distribuzione di campioni gratuiti.

 

Farmaci Equivalenti

 

Nel Regno Unito, i prezzi dei farmaci generici sono controllati dai tassi di rimborso del governo. Il prezzo pagato da farmacisti e medici è principalmente determinato dal numero dei titolari delle licenze, dal valore di vendita del marchio originale e dalla facilità di fabbricazione. Solitamente i prezzi di vendita al dettaglio dimunuiscono man mano che la concorrenza s'intensifica, a partire dal lancio sul mercato. Dopo alcuni anni, il prezzo finale corrisponde a circa il 20% del costo del farmaco originale. Tuttavia, nel 20% dei casi circa, il prezzo "rimbalza", dal momento che alcuni titolari di licenza si ritirano dal mercato quando non ottengono più i guadagni che si erano prefissati: i prezzi aumentano fino al rientro sul mercato delle aziende in questione. Per quanto riguarda gli Stati Uniti, nel 2012 l'84% delle prescrizioni mediche era costituito da farmaci generici, e nel 2014 l'utilizzo di questi farmaci ha portato ad un risparmio complessivo per l'assistenza sanitaria di 254 miliardi di dollari, una cifra sbalorditiva.

La maggior parte delle Nazioni chiede ai produttori di farmaci generici di dimostrare che le loro formulazioni siano bioequivalenti alle controparti di marca. La "bioequivalenza" non significa che i farmaci equivalenti debbano essere uguali ai prodotti di marca, poiché possono esistere delle differenze chimiche; ad esempio possono essere utilizzate delle formulazioni contenenti un sale od un estere differenti, oppure possono essere utilizzate capsule al posto di compresse. Tuttavia, il principio attivo dev'essere identico e, soprattutto, l'effetto terapeutico del farmaco dev'essere lo stesso. La maggior parte delle molecole o principi attivi che costituiscono la parte curativa dei farmaci, è accettata come bioequivalente se i parametri farmacocinetici e di concentrazione massima sono raggiunti in un intervallo del 90% e dell'80% o 125% rispettivamente. Per quanto riguarda i prodotti farmaceutici più complessi dal punto di vista della preparazione e dell'utilizzo, come gli inalatori e le preparazioni liposomiali o biosimilari, la dimostrazione dell'equivalenza farmacodinamica o clinica è più impegnativa.

Alcuni farmaci generici sono visti con sospetto dai medici. Ad esempio il warfarin (Coumadin) ha una finestra terapeutica stretta, e richiede frequenti esami del sangue per monitorarne l'attività, in quanto i pazienti possono avere un livello ematico di farmaco sub-terapeutico oppure superiore, e quindi tossico. Uno studio effettuato in Ontario ha dimostrato che la sostituzione del Coumadin (di marca) con il warfarin generico era sicura, ma molti medici non ne sono tuttora sicuri. In alcuni Paesi, come l'Australia, dove esistono più tipologie di farmaci di marca contenenti lo stesso principio attivo, i medici possono scegliere di non consentire ai farmacisti di vendere un marchio diverso da quello prescritto, a meno che il consumatore ne faccia richiesta. In Italia, in alcuni casi, i medici possono apporre sulle prescrizioni dei farmaci il timbro "non sostituibile", il che è simile a quanto accade in Australia, ma in molte città le cose sono cambiate, ed i pazienti devono accettare dalle farmacie solo determinati farmaci generici, le cui aziende produttrici hanno vinto le gare di appalto, solitamente su base annuale o biennale. In alternativa, le persone possono acquistare il farmaco originale pagando la differenza fra il costo di quello generico e quello di marca; in altri casi, però, questo non è possibile, per cui si deve pagare il prezzo pieno. Ad ogni modo, in Italia, un farmaco generico o equivalente è in grado di essere acquistato a circa il 40% del costo del farmaco originale, in media, entro un anno dalla sua entrata in commercio. Questo, però, è in contrasto rispetto al risparmio che si ha in altri Pesi europei, che può arrivare addirittura al 95%. Nell'agosto del 2012, lo Stato Italiano ha introdotto una riforma che chiede ai medici di famiglia di prescrivere solo i farmaci equivalenti, quando questo risulta essere possibile. Questa direttiva ha portato ad alcune polemiche riguardanti l'intercambiabilità ed il possibile passaggio ai farmaci generici, e gli italiani tendono ancora a preferire i farmaci di marca rispetto a quelli equivalenti, a meno che non siano "obbligati" o i costi siano veramente alti. Inoltre, i medici generici e specialisti, per prescrivere questi composti farmaceutici di marca, sono tenuti a scrivere una relazione che dimostri l'incompatibilità di detti prodotti con i pazienti che ne fanno richiesta.

 

 

In un articolo scritto dai Dottori Carlo Piccinni, Federico Fontolan e Silvia Zucconi, frutto di uno studio statistico, possiamo leggere: "Il settore dei farmaci generici è particolarmente adatto per collegare le esigenze di contenimento dei costi con un potenziale di crescita industriale. Come tale, contribuisce intrinsecamente al processo di razionalizzazione della spesa pubblica. Nonostante gli evidenti vantaggi dei farmaci generici per l'economia e per la spesa pubblica e privata, è evidente che il mercato dei medicinali generici non ha ancora raggiunto il suo pieno potenziale. Allo stato attuale, i medicinali generici costituiscono poco più del 13% della spesa per farmaci di classe A. La crescita del settore dei farmaci generici è principalmente influenzata dai comportamenti di medici, farmacisti e pazienti. Nel complesso, è emerso un quadro sbilanciato. Da un lato, i risultati mostrano che il 90% dei pazienti conosce i farmaci generici ed il 72% li ha utilizzati negli ultimi 12 mesi. D'altra parte, molti medici di base continuano a prescrivere i prodotti di marca ben noti e non l'equivalente principalmente per due motivi: la disponibilità sul mercato di diversi farmaci generici per la stessa sostanza attiva, che potrebbe causare confusione tra i pazienti che devono prendere una determinato farmaco e le informazioni insufficienti sull'affidabilità delle aziende produttrici di farmaci generici. Questo potrebbe essere il risultato di un 'gap informativo' fra i medici di medicina generale ed i produttori di farmaci generici. La persistente situazione economica instabile, ed una conseguente diminuzione del potere di acquisto da una parte consistente della popolazione, potrebbero portare ad un aumento dei livelli di consumo di farmaci generici in sostituzione di farmaci di marca più costosi. la fiducia del paziente nei farmaci generici è in aumento, e questo si riflette nei pareri degli stessi pazienti, farmacisti e medici di medicina generale. Inoltre, i pazienti si rivolgono sempre più alle fonti alternative di informazione per avere dei consigli riguardanti il trattamento, e questo indica che le generazioni future faranno meno affidamento sui medici di medicina generale. Per facilitare questa transizione, produttori e distributori generici dovranno adottare misure per colmare questa lacuna d'informazioni e stabilire uno scambio di conoscenze con i medici di medicina generale sulla base della reciproca trasparenza. Inoltre, tutto ciò è essenziale per aumentare la consapevolezza del paziente della sicurezza e dell'efficacia dei farmaci equivalenti, sottolineando che l'uso di questi prodotti non compromette la loro cura, come dimostrato in diversi studi. Lo studio si concentra principalmente sulla previsione di come i farmaci generici potrebbero portare, in futuro, ad un risparmio pubblicho e privato, così come lo sviluppo del settore in un contesto industriale. Nel corso dei prossimi anni (2015-2020), il processo di 'generalizzazione', cioè il meccanismo con cui un farmaco di marca diventa un farmaco generico dopo la scadenza del suo brevetto, ha il potenziale per aumentare la quota di mercato rispetto all'attuale 13% , del valore di 1,7 miliardi di euro (numero calcolato sulla base delle classi e dei  prezzi al dettaglio). Partendo dal presupposto che la dinamica dei prezzi rimanga in linea con le recenti tendenze, l'effetto cumulativo della generalizzazione sulla spesa pubblica è stato stimato in un'ulteriore somma di 1,3 miliardi di euro fra il 2015 e il 2020. Per quanto il risparmio che avrà il Servizio Sanitario Nazionale dipenderà dalle fluttuazioni di prezzo, e non sulle quote di mercato dei farmaci generici, tutti i risparmi calcolati saranno direttamente a beneficio del SSN stesso, a prescindere dalle quote di mercato superiori o inferiori dei farmaci generici."

Breve storia del cancro e dei trattamenti per contrastarlo - Elenco delle principali Strutture Oncologiche di Torino e Piemonte

Cellule Cancerogene

 

La branca della medicina che si occupa dello studio del cancro o dei "tumori" è denominata oncologia. I tumori sono conosciuti dall'umanità fin dai tempi antichi. Il cancro inizia quando le cellule di una parte del corpo iniziano a moltiplicarsi e a crescere in maniera incontrollata, e diverse parti del corpo possono essere colpite da questi tipi di patologie.

Alcune delle prime testimonianze associabili al cancro sono state rinvenute in tumori ossei fossili di mummie umane egiziane, ed i riferimenti a queste malattie sono state trovate anche in antichi manoscritti. Inoltre, sono state scoperte tracce di cancro alla testa ed al collo, in queste mummie. Anche se all'epoca la parola "cancro" non era utilizzata, la più antica descrizione nota di questa malattia è sempre riconducibile all'antico Egitto, in un periodo collocabile intorno al 3000 A.C. Si tratta di un testo chiamato Papiro Edwin Smith, ed è una copia di una parte di un antico libro di testo sulla chirurgia dei traumi egiziana. In questo scritto vengono trattati otto casi di tumori o ulcere del seno, che venivano trattati mediante cauterizzazione con uno strumento chiamato "punta incandescente". In questo trattato, comunque, si afferma che non esiste un trattamento definitivo per queste condizioni patologiche.

Questa malattia fu chiamata "cancro" per la prima volta dal medico greco Ippocrate (460 - 370 A.C.), considerato il "padre della medicina". Ippocrate utilizzò i termini "carcinos" e "carcinoma" per descrivere le formazioni non ulcerose, e "tumori" per le formazioni ulcerose. La parola "carcinos", in greco, significa "granchio". Più tardi, il medico romano Celso (28 - 50 A.C.) tradusse il termine greco in "cancro", la parola latina utilizzata per indicare il granchio. In seguito, un altro medico romano, Galeno (130 - 200 D.C.), utilizzò il termine "oncos" (dal greco "gonfiore") per descrivere i tumori. Oncos è la parola principale utilizzata, per l'appunto, per indicare l'oncologia o lo studio dei tumori. Attualmente, sono anche utilizzate le parole "neoplasia" o "neoformazione", che pongono l'accento sul fatto che alcune cellule iniziano a mutare ed a riprodursi in maniera incontrollata.

Durante i primi anni del quindicesimo secolo, gli scienziati svilupparono una maggiore comprensione del funzionamento del corpo umano e dei processi che causano le malattie. Le autopsie eseguite da Leonardo Da Vinci e, in seguito, da Harvey (1628) aiutarono a comprendere molte strutture anatomiche e processi fisiologici, come i meccanismi della circolazione del sangue attraverso il cuore ed il corpo. Uno studioso di Padova, Giovanni Morgagni, regolarizzò la pratica autoptica nel 1761, al fine di trovare le cause delle malattie, gettando quindi anche le basi per lo studio del cancro.
Il chirurgo scozzese John Hunter (1728 - 1793) suggerì che alcuni tipi di cancro potevano essere curati mediante interventi chirurgici. Quasi un secolo dopo, con lo sviluppo dell'anestesia, iniziarono ad essere effettuate operazioni chirurgiche regolari per rimuovere i tumori "mobili", che non si erano diffusi in altri organi. Nel diciannovesimo secolo, Rudolf Virchow, spesso definito come il fondatore della patologia cellulare, pose le basi per lo studio patologico dei tumori al microscopio. Virchow correlava il rivelamento patologico al microscopio con la malattia, e sviluppò inoltre lo studio dei tessuti che venivano asportati durante gli interventi chirurgici. Da quel momento in poi, il patologo poteva dire al chirurgo se il tumore era stato completamente rimosso.

Nel corso della varie epoche storiche, si sono succedute varie teorie sulle possibili cause del cancro. Ad esempio, gli antichi egizi incolpavano gli "dei" per i tumori. Ippocrate riteneva che il corpo umano fosse percorso da quattro "umori" o fluidi corporei: il sangue, il flemma, la bile gialla e la bile nera. Egli suggerì che uno squilibrio di questi umori, con un eccesso di bile nera in varie parti del corpo, potesse causare il cancro. Questa era la "teoria umorale". Dopo questa teoria, arrivò la "teoria della linfa". Stahl e Hoffman teorizzarono che il cancro fosse causato dalla fermentazione e dalla degenerazione della linfa, che può variare in densità, acidità e alcalinità. John Hunter, un chirurgo scozzese del diciottesimo secolo, giunse alla conclusione che i tumori si sviluppano dalla linfa, costantemente rilasciata nel sangue.

Zacutus Lusitani (1575 - 1642) e Nicholas Tulp (1593 - 1674), due medici olandesi, conclusero che il cancro fosse contagioso. Nel corso del diciassettesimo e diciottesimo secolo, infatti, alcuni credevano che il cancro fosse contagioso. Nel 1838, il patologo tedesco Johannes Muller dimostrò che il cancro è costituito da cellule, piuttosto che dalla linfa. Muller affermò che le cellule tumorali si sviluppano da elementi patogeni, denominati "blastomi", che si trovano in mezzo ai tessuti normali. Rudolph Virchow (1821 - 1902) suggerì che tutte le cellule, comprese le cellule tumorali, derivano da altre cellule. Egli propose la teoria dell'irritazione cronica, e credeva che il cancro si sviluppasse sotto forma liquida. Nel 1860, il chirurgo tedesco Karl Thiersch dimostrò che i tumori metastatizzano attraverso la diffusione di cellule maligne, e non come un liquido. Fino al 1920, inoltre, si pensava che i traumi fossero la causa dei tumori. In effetti, questo potrebbe essere vero, ma solo in alcuni casi e relativamente pochi.

Lo screening ed i check-up, per quanto riguarda il cancro, aiutano ad effettuare eventuali diagnosi precoci. Il primo test di screening ad essere stato apiamente utilizzato per il cancro è stato il Pap Test. Questo esame diagnostico, sviluppato da George Papanicolaou, aveva inizialmente l'obiettivo di comprendere il ciclo mestruale. Questo ricercatore ha poi osservato che il test poteva essere di aiuto per identificare il cancro della cervice uterina ad uno stadio precoce, e presentò la sua scoperta nel 1923. A partire dai primi anni 1960, l'American Cancer Society ACS ha promosso questo test, che è diventato in tutto il mondo uno strumento di screening largamente utilizzato. Le moderne metodologie di mammografia sono state sviluppate nei tardi anni 1960, ed ufficialmente raccomandati da parte dell'ACS a partire dal 1976.

Nella storia dei tumori, ci si è accorti abbastanza presto che la chirurgia poteva essere un trattamento d'elezione per la cura. Il medico romano Celso, però, aveva notato che nonostante gli interventi chirurgici i tumori spesso tornavano a presentarsi. Galeno ha scritto molto riguardo alle tecniche chirurgiche da utilizzare per il trattamento dei tumori, ma all'epoca la chirurgia era piuttosto primitiva, con molte possibili complicazioni, fra cui l'eccessiva perdita di sangue. La chirurgia in ambito oncologico si sviluppò soprattutto nel diciannovesimo e ventesimo secolo, dopo i progressi fatti nel campo dell'anestesia.

Bilroth in Germania, Handley a Londra e Halsted a Baltimora sono stati i pionieri della chirurgia oncologica. William Steward Halsted, professore di chirurgia presso la Johns Hopkins University, sviluppò la mastectomia radicale nell'ultimo decennio del diciannovesimo secolo per i tumori al seno. Il suo lavoro si basava su quello svolto da W. Sampson Handley. Stephen Paget, un chirurgo inglese contemporaneo di questi medici, scoprì che i tumori si diffondevano attraverso la circolazione sanguigna. Questa comprensione delle metastasi è diventata un elemento fondamentale per capire se un paziente possa o meno ottenere un beneficio dal trattamento chirurgico del cancro.

Nel 1896, un professore di fisica tedesco di nome Wilhelm Conrad Roentgen, scoprì i Raggi X e ne presentò le proprietà. Nei mesi e negli anni successivi, questa scoperta venne utilizzata dapprima a fini diagnostici, e poi anche per il trattamento dei tumori. In seguito, non si utilizzarono solo più questi raggi ad alta frequenza dello spettro elettromagnetico, ma ebbe inizio la medicina nucleare vera e propria, con l'impiego di elementi ed isotopi radioattivi e, in particolare, del radio e di macchine diagnostiche a tensione relativamente bassa.

Per quanto riguarda i farmaci chemioterapici, l'inizio fu certamente singolare. Durante la Prima Guerra Mondiale, i soldati esposti al gas mostarda, durante le battaglie, sviluppavano una soppressione tossica delle cellule del midollo osseo. Poco tempo dopo, una forma simile di composto azotato di gas mostarda venne utilizzata per alcuni tipi di tumori dei linfonodi, chiamati linfomi. Da queste scoperte in poi, la chemioterapia ha compiuto notevoli passi in avanti, tuttavia l'elemento di efficacia rimane all'incirca il medesimo: bloccare la replicazione cellulare con sostanze di per sé piuttosto tossiche e spesso potenzialmente mutagene, ma utili per rallentare lo sviluppo dei tumori.

Nel diciannovesimo secolo, Thomas Beatson scoprì che il seno dei conigli smetteva di produrre latte dopo la rimozione delle ovaie. In seguito utilizzò la rimozione delle ovaie o ovariectomia nelle donne, per contrastare il carcinoma mammario avanzato. Tuttavia, questa forma d'intervento radicale venne utilizzata prima che fossero scoperte le sostanze ormonali responsabili di questi processi fisiologici. Questo lavoro fornì le basi per l'uso moderno della terapia ormonale, che vede l'impiego di farmaci come il tamoxifene e gli inibitori dell'aromatasi, per trattare o prevenire il cancro al seno.

Dal punto di vista farmacologico, le scoperte più recenti riguardano l'immunoterapia. Con una maggiore comprensione della biologia delle cellule tumorali, diversi agenti biologici sono stati sviluppati per il trattamento dei tumori. Questi farmaci sono chiamati modificatori della risposta biologica (BRM) o immunoterapici. Fra questi ci sono gli anticorpi monoclonali. Le prime terapie a base di anticorpi monoclonali erano costituite da due farmaci: il rituximab (Rituxan) e il trastuzumab (Herceptin), approvati alla fine degli anni 1990 per trattare il cancro al seno e il linfoma, rispettivamente. Gli scienziati stanno anche studiando dei vaccini in grado di stimolare la risposta immunitaria del corpo contro le cellule tumorali. La molecola trastuzumab (Herceptin) è anche un inibitore del fattore di crescita, come il gefitinib (Iressa), l'imatinib (Glivec) e il cetuximab (Erbitux). Un altro approccio moderno e mirato consiste nel bloccare la formazione dei vasi sanguigni, con l'intento di togliere rifornimenti al tumore, mediante farmaci come il bevacizumab (Avastin).

 

 

Per quanto riguarda le Strutture Sanitarie che si occupano di oncologia a Torino e in Piemonte, si possono citare i tre ospedali dell'ASL Città di Torino: Maria Vittoria, San Giovanni Bosco e Martini; l'Ospedale Molinette, l'Azienda Ospedaliera Universitaria San Luigi Gonzaga di Orbassano e l'Ospedale San Giovanni Antica Sede di Torino. In particolare, in Piemonte e Valle d'Aosta esiste la Rete Oncologica, la cui sede principale è situata presso la Città della Salute e della Scienza (Ospedale Molinette). La Rete Oncologica del Piemonte vede coinvolti anche l'Ospedale San Luigi, l'Ospedale Mauriziano, l'Istituto per la Ricerca sul Cancro di Candiolo e l'ASL Città di Torino. In tutte queste Strutture Ospedaliere sono presenti i CAS o Centri Accoglienza e Servizi, che sono dei punti di riferimento dedicati ai pazienti, utili per ottenere assistenza, orientamento, supporto, prenotazioni ed informazioni. Grazie ai CAS, gli utenti degli ambulatori e dei reparti oncologici possono anche trovare aiuto per quanto riguarda gli aspetti amministrativi e gestionali, lungo l'intero percorso di cura, diagnostico e terapeutico, sia di tipo medico sia di tipo chirurgico. L'Istituto di Candiolo, specializzato nella cura e nella ricerca oncologica, è frutto del lavoro congiunto di tre istituzioni: la Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro onlus, l'Università degli Studi di Torino e la Fondazione del Piemonte per l'Oncologia. Altre strutture piemontesi che offrono servizi in ambito oncologico sono l'Ospedale di Ivrea, l'Ospedale di Cuorgnè, l'Ospedale di Castellamonte, l'Ospedale di Torre Pellice, l'Ospedale Edoardo Agnelli di Pinerolo, l'Ospedale di Pomaretto e, nel capoluogo piemontese: l'Ospedale Cottolengo, l'Ospedale Gradenigo Humanitas, l'Ospedale Ostetrico Ginecologico Sant'Anna, l'Ospedale Infantile Regina Magherita, la Casa di Cura Sedes Sapientiae e la Clinica Santa Caterina da Siena.

Alcune informazioni utili per le Persone Senza Fissa Dimora

  • Bartolomeo & C. Via Camerana 10/A - Torino - Telefono: 011534854 - Fax: 0115132567
    Casa Accoglienza del Cottolengo - Piccola Casa della Divina Provvidenza - Via Andreis 26 - Torino - Telefono: 0115225655
    Associazione Opportunanda - Via Sant'Anselmo 21 - Torino - Telefono e Fax: 0116507306
    Cenacolo Eucaristico della Trasfigurazione - Via Belfiore 12 e Corso Regina Margherita 190 - Torino - Telefono: 0114377070
    Sermig Servizio Missionario Giovani - Piazza Borgo Dora 61 - Torino - Tel. 0114368566 e 3346657274 - Fax: 0115215571
    Gruppo Abele Onlus - Corso Trapani 91/B - Torino - Telefono: 0113841066

Concorsi

Bando di Concorso pubblicato il 14 marzo 2017:
Il Concorso avrà luogo nelle date 10 (prova scritta), 11 (prova pratica) e 12 (prova orale) maggio 2017. Le preselezioni avverranno il 27 ed il 28 aprile 2017. Controllare i requisiti per accedere al Concorso sulla Gazzetta Ufficiale.
Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura a tempo indeterminato di quattro posti di collaboratore professionale sanitario - infermiere categoria D ruolo sanitario, indetto in forma associata dall'AOU Città della Salute e della Scienza di Torino, dall'AO Ordine Mauriziano di Torino, dall'ASL Città di Torino e dall'ASL TO 5 di Chieri-Carmagnola-Moncalieri-Nichelino.




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo

Social Network Salute Torino

Questo sito è anche un Social Network, che si chiama Salute Torino, a cui possono partecipare gli utenti, i dipendenti e gli amici delle Strutture Sanitarie torinesi.

I membri registrati possono pubblicare testi, immagini, video, scambiarsi messaggi, intrecciare amicizie, creare gruppi, organizzare eventi ed altro ancora!

Accedi O Registrati