Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Fatica

 

Nuove ricerche dimostrano che l'auto-aiuto in ambito di esercitazione graduale, oltre alla cura medica specializzata, è un trattamento più efficace per la sindrome da affaticamento cronico rispetto alla sola assistenza medica specializzata. La sindrome da stanchezza cronica è caratterizzata da una stanchezza cronica e disattesa in assenza di una diagnosi alternativa. La terapia di esercitazione graduale ha mostrato i suoi benefici in molti settori, tuttavia, potrebbe non essere possibile per tutti beneficiare di questa terapia a causa dei vincoli di tempo. Per coloro che soffrono dell'incapacità di farla, uno studio ha fornito la speranza di una terapia di esercitazione guidata per mezzo di video in grado di aiutare le persone a conseguire gli stessi vantaggi.

I ricercatori dell'università di Queen Mary hanno progettato la terapia con esercitazione a Graded o GETSET per confrontare l'efficacia e la sicurezza del trattamento di autoassistenza graduata o GES con guida video, aggiunta ad alcune sessioni di addestramento medico specializzato o SMC facendo solo sessioni di formazione medica specializzata più frequentemente e da soli. Hanno ipotizzato che GES e SMC sarebbero più efficaci nel migliorare le condizioni di affaticamento e la funzionalità fisica, come solo SMC nei soggetti affetti da sindrome da affaticamento cronico.

Sono stati presi in considerazione l'Istituto Nazionale per la Salute e la Cura dell'Esperienza o NICE che hanno definito i criteri diagnostici per la sindrome da affaticamento cronico e sono stati reclutati per lo studio degli adulti di età compresa fra i 18 anni. Pubblicato su The Lancet, questo studio è stato eseguito fra il 15 maggio 2012 e il 24 dicembre 2014. In totale sono stati inclusi 211 pazienti ammissibili.

I pazienti provenienti da due cliniche sono stati coinvolti nello studio e sono stati randomizzati in due gruppi, un gruppo di controllo (104 pazienti) e un gruppo di intervento (107 pazienti). Il gruppo di controllo ha ricevuto assistenza medica specializzata o SMC da un terapeuta, e il gruppo di intervento ha avuto la formazione medica specialistica ma anche un libretto di terapia guidata. La cura medica specialistica è stata fornita da medici specialisti; tuttavia, non c'era alcuna misura per scoprire se la cura fornita fosse coerente fra i pazienti. La terapia di esercitazione graduata è stata eseguita dai pazienti da soli utilizzando un libretto di auto-aiuto che descrive un programma di esercizio fisso comprendente sei fasi. Le istruzioni contenute in questo libretto dovevano essere seguito per circa 12 settimane, accompagnate da quattro sessioni distribuite in otto settimane con un fisioterapista. Dopo questo periodo, il successo della ricerca è stato misurato in base a due risultati: la quantità di stanchezza sperimentata dal paziente e l'attività fisica che il paziente era in grado di eseguire.

I risultati hanno mostrato che la terapia di esercizio guidata, eseguita dai pazienti senza l'aiuto di un terapeuta, si è rivelata un buon programma che potrebbe ridurre la stanchezza. Alla fine del programma, gli individui del gruppo di intervento (che avevano eseguito gli esercizi del libretto di guida con l'aiuto limitato di un terapeuta) avevano risultati migliori rispetto ai pazienti del gruppo di controllo (con solo appuntamenti da un terapeuta). Risultati migliori sono stati osservati in altri aspetti come il lavoro, l'adeguamento sociale, la depressione, l'ansia e l'attività fisica. In termini di attività fisica, tutti i partecipanti del gruppo di intervento sono risultati relativamente più avanti di quelli del gruppo di controllo. Sorprendentemente, alcuni partecipanti che avevano iniziato con punteggi peggiori rispetto al gruppo di controllo per l'attività fisica, hanno finito con punteggi migliori rispetto al gruppo di controllo nel follow-up finale.

Dai risultati di cui sopra, è evidente che l'esercizio fisico eseguito in maniera autonoma, accompagnato dalla formazione di un fisioterapista, ha mostrato un miglioramento del funzionamento complessivo. Questi risultati sono importanti perché aprono la strada per aiutare a ridurre la disabilità fisica associata sperimentata da questi pazienti con sindrome da affaticamento cronico. Sebbene siano necessari ulteriori test per confermare i risultati di questa ricerca su altre popolazioni di studio, si è dimostrata un sistema sostenibile di miglioramento attraverso l'autoterapia.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo