Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Esercizio Fisico

 

Secondo una ricerca presentata alla Conferenza Internazionale sull'Ictus organizzata dall'American Stroke Association, un esercizio fisico strutturato può migliorare significativamente la funzione cerebrale dopo un ictus. L'ictus è la quinta causa di morte negli Stati Uniti, e la principale causa di disabilità a lungo termine. Da diversi studi si stima che fino all'85% delle persone che hanno avuto un ictus avrà un deficit cognitivo, della funzione esecutiva, dell'attenzione e della memoria di lavoro. Dal momento che non esistono farmaci specifici per migliorare la funzionalità cognitiva, l'attività fisica come terapia, nonché l'allenamento aerobico e di forza, sono diventati degli interventi a basso costo per il trattamento dei deficit cognitivi nelle persone che sono sopravvissute ad un ictus.

Dall'analisi dei dati provenienti da 13 studi d'intervento che hanno coinvolto 735 partecipanti, i ricercatori hanno estrapolato gli effetti dei vari tipi di attività fisica sulla funzione cognitiva che si ha dopo un ictus. Essi hanno scoperto che un'attività fisica strutturata migliora significativamente le situazioni di deficit cognitivo, indipendentemente dalla durata del programma di riabilitazione; in pratica un lavoro della durata superiore ai tre mesi ha avuto gli stessi effetti di un lavoro durato da uno a tre mesi.

I ricercatori hanno anche scoperto che le capacità cognitive possono essere migliorate anche quando l'attività fisica viene introdotta nella fase di ictus cronico, ossia quando la patologia è ancora presente dopo tre mesi dall'evento negativo. Il Dott. Lauren E. Oberlin, uno studente laureato presso l'Università di Pittsburgh ed uno degli autori della ricerca, ha affermato: "L'attività fisica è estremamente utile in caso di ictus per una serie di ragioni, ed i nostri risultati suggeriscono che questa può anche essere una buona strategia per promuovere il recupero cognitivo dopo un ictus. Abbiamo scoperto che un breve programma di dodici settimane è efficace nel miglioramento della cognizione, ed anche i pazienti affetti da ictus cronico possono sperimentare un miglioramento della cognizione con l'esercizio fisico."

I ricercatori hanno analizzato il miglioramento cognitivo generale, così come i miglioramenti specifici riguardanti determinate aree: la funzione esecutiva, l'attenzione e la memoria di lavoro. L'esercizio ha portato a miglioramenti selettivi nelle misure di attenzione e di velocità di elaborazione. I ricercatori hanno anche esaminato se questi miglioramenti cognitivi dipendessero dal tipo di attività fisica in cui erano impegnati i pazienti. Nel corso di precedenti studi su popolazioni anziane e sane riguardo alla demenza, si era scoperto che il solo esercizio aerobico è sufficiente per migliorare la cognizione, ma che gli effetti aumentavano se il lavoro suddetto era combinato con un'attività come l'allenamento della forza. Coerentemente con questo lavoro, gli autori hanno trovato che la combinazione dell'allenamento della forza e di quello aerobico ha prodotto i maggiori guadagni cognitivi.

Il Dott. Oberlin ha detto: "L'integrazione dell'allenamento aerobico durante la riabilitazione è molto importante e, per i pazienti con difficoltà di deambulazione, l'esercizio fisico può essere modificato in modo che i pazienti possano comunque sperimentare l'aumento dei loro livelli di fitness. Dal momento che questi esercizi non hanno effetti sostanziali sulla qualità della vita e del miglioramento funzionale, penso che sia davvero importante che vengano integrati con le cure riabilitative e la pratica primaria." I co-autori della ricerca sono Aashna M. Waiwood, Julie Bernhardt, Toby B. Cumming, Anna L. Marsland e Kirk I. Erickson.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo