Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Il cioccolato fondente arricchito con olio extra vergine di oliva è associato ad un profilo di rischio cardiovascolare migliore, secondo una ricerca presentata al Congresso ESC 2017. La Dott.ssa Rossella Di Stefano, cardiologa presso l'Università di Pisa, ha affermato: "Una dieta sana è conosciuta per la sua capacità di ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. La frutta e la verdura esercitano i loro effetti protettivi attraverso i polifenoli vegetali, che si trovano nel cacao, nell'olio di oliva e nelle mele. La ricerca ha mostrato che la mela rossa Panaia italiana ha livelli molto elevati di polifenoli e antiossidanti."

Questo studio ha testato l'associazione fra il consumo di cioccolato fondente arricchito con olio extra vergine di oliva o mela rossa Panaia, in rapporto alla progressione dell'aterosclerosi in individui sani con fattori di rischio cardiovascolari. Lo studio crossover randomizzato ha impiegato 26 volontari (14 uomini e 12 donne) con almeno tre fattori di rischio cardiovascolare (fumo, dislipidemia, ipertensione o storia familiare di malattie cardiovascolari), i quali hanno ricevuto 40 grammi di cioccolato fondente ogni giorno per 28 giorni. Per 14 giorni consecutivi il cioccolato conteneva il 10% di olio extra vergine di oliva e per 14 giorni consecutivi conteneva il 2,5% di mela rossa Panaia. I due tipi di cioccolato sono stati dati in ordine casuale.

Olio Di Oliva E Cioccolato Fondente

 

La progressione dell'aterosclerosi è stata valutata mediante cambiamenti metabolici (livelli di carnitina e ippurato), profilo lipidico, pressione sanguigna e livelli di cellule progenitrici endoteliali circolanti o EPC. Le cellule EPC sono fondamentali per la riparazione vascolare e la manutenzione della funzione endoteliale. Campioni di urina e sangue sono stati raccolti all'inizio e dopo lo studio. I campioni di urina sono stati analizzati mediante spettroscopia a risonanza magnetica nucleare protonica per i metaboliti endogeni. I livelli di EPC circolanti sono stati valutati con citometria a flusso. Sono stati inoltre monitorati lo stato del fumo, l'indice di massa corporea, la pressione sanguigna, la glicemia e il profilo lipidico.

Dopo 28 giorni, i ricercatori hanno scoperto che il cioccolato arricchito con olio di oliva era associato con livelli significativamente più elevati di EPC e livelli di carnitina e ippurato ridotti rispetto al basale e dopo il consumo di cioccolato arricchito con mele. Il cioccolato arricchito con olio di oliva è stato associato ad un significativo aumento delle lipoproteine ​​ad alta densità o "buone" e ad una diminuzione della pressione sanguigna rispetto al basale. C'è stata inoltre una riduzione non significativa dei livelli di trigliceridi con cioccolato arricchito di mele.

La Dott.ssa Di Stefano ha dichiarato: "Abbiamo scoperto che piccole porzioni giornaliere di cioccolato fondente con polifenoli naturali aggiunti dall'olio extravergine di oliva sono stati associati ad un miglioramento del profilo cardiovascolare. Il nostro studio suggerisce che l'olio extravergine di oliva potrebbe essere un buon additivo alimentare per aiutare a preservare le nostre 'cellule di riparazione' o EPC."

Più in generale, uno dei "riflettori scientifici" si concentra oggi sulle sostanze antiossidanti salutari contenute nel vino rosso, nel cioccolato fondente, nell'olio di oliva, nel caffè, nel tè e in altri alimenti e integratori alimentari che attirano milioni di consumatori con la promessa di una vita più sana e più lunga. La American Chemical Society, una delle più grandi società scientifiche mondiali, ha tenuto un simposio su queste sostanze durante la sua duecentoquarantaseiesima riunione ed esposizione nazionale. Le relazioni tenute nel corso di questo simposio hanno coinvolto sostanze che i consumatori conoscono meglio come "antiossidanti", e che gli scienziati definiscono "derivati ​​fenolici". Questi ingredienti, trovati naturalmente in alcuni alimenti e venduti come integratori alimentari, sono stati collegati a benefici per la salute che includono la riduzione del rischio di malattie cardiache e una diminuita probabilità di contrarre il cancro. Non per niente il titolo del congresso è stato "Derivati ​​fenolici per la dieta e la salute umana", svoltosi presso il Centro Congressi dell'Indiana e negli hotel del centro. Hanno partecipato migliaia di scienziati ed altre categorie di lavoratori, e sono state presentate quasi 7.000 relazioni sulle nuove scoperte in materia scientifica e su altri temi.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo