Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Scienze Mediche

 

Anticamente, le scienze umane funzionavano in maniera "sinergica", ossia i sapienti dell'antichità, a partire dalla cosiddetta "storia nota" (da circa il 6.000 A.C. in poi), conoscevano più di una specialità. Chi era medico spesso era anche astronomo, erborista, filosofo o teologo, chi era architetto sovente era anch'esso conoscitore di altre discipline dello scibile umano, e così via. Ora, questo può apparire un po' antiquato, ai nostri giorni, sia perché alcune branche del sapere sono un po' "cadute in disuso in quanto non scientifiche", sia per via dell'enorme settorializzazione ed alta specializzazione della scienza contemporanea. Anche se i "Premi Nobel" vengono assegnati ai ricercatori e studiosi in base a poche discipline scientifiche ed umanistiche, economiche, sociali o politiche, in realtà gli uomini e le donne di scienza di oggi hanno solitamente una ristretta gamma d'indagine a loro disposizione; ad esempio, un biologo può essere un biologo molecolare, oppure uno studioso di fitochimica o di genetica. Anche se le nozioni di base sono le medesime, la specializzazione è divenuta altissima, soprattutto negli ultimi due secoli circa, anche perché la mole di conoscenze e dati a disposizione e da elaborare è divenuta veramente grande. Questo può essere un bene, ma a volte rischia di far perdere la visione d'insieme delle cose.

Ultimamente, tuttavia, anche grazie alle moderne tecnologie informatiche di comunicazione e di analisi dei dati provenienti dalle ricerche, si sta creando una collaborazione sempre più stretta fra i ricercatori. Anche se in tutto ciò, naturalmente, c'è anche un aspetto competitivo, l'unione sta facendo veramente la forza, come si suol dire. Questo è visibile soprattutto in campo medico e farmacologico. Non solo, quando possibile, i pazienti sono esaminati da più specialisti mediante "consulti" o simili, ma anche le strutture mediche stesse, in quanto luoghi di azione e di cura, stanno lavorando sempre più in un'atmosfera di rinnovata sinergia. Torino, per quanto possibile, è un ottimo esempio di quanto affermato. Le sue principali strutture sanitarie, soprattutto statali, quali l'ASL Città di Torino e la Città della Salute e della Scienza in particolare, stanno rivestendo un ruolo determinante in questa nuova sinergia del sapere e della pratica sanitaria. Negli ultimi decenni, infatti, le UU.SS.LL e poi AA.SS.LL. torinesi sono diminuite di numero, con una conseguente riorganizzazione logistica, tecnica, amministrativa e del personale medico e paramedico, fino ad arrivare alla recente unione dell'ASL TO1 e dell'ASL TO2 in un'unica entica, chiamata per l'appunto ASL Città di Torino. Alcuni giornali l'hanno definita "Super ASL" ma, al di là delle definizioni, il fatto che l'esempio della Città della Salute e della Scienza venga seguito, nel corso degli anni, è un segnale evidente di rinnovata unione, sia dal punto di vista lavorativo e del servizio all'utenza, sia dal punto di vista economico. La Città della Salute e della Scienza, con i suoi importanti Presidi Ospedalieri e Riabilitativi, ha anche il vantaggio di essere geograficamente coerente, in quanto tali strutture sanitarie sono molto vicine fra loro, ossia gli edifici che costituiscono tale complesso sono adiacenti o comunque prossimi.

Alcuni sostengono che tale avvicendamento possa creare un sofraffollamento delle strutture, ma se ciascuna di esse opererà in base alla propria caratteristica peculiare, vuoi di eccellenza oppure territoriale o altro, Torino potrebbe essere una delle città italiane in cui la sanità avrà un'azione veramente efficace, al di là dei problemi di tutti i giorni e delle emergenze di ogni tipo, tipiche di questo mondo altamente controllato e "asettico" ed allo stesso tempo incontrollabile quanto affascinante, che è il mondo della cura e, se possibile, della guarigione. Sì, perché l'obiettivo finale della medicina, ovviamente, è la guarigione o ristabilimento del malato, e la cura è la parte fondamentale in questo processo. Questo è lampante, anche se la parola "cura" può assumere diverse accezioni; ad esempio, la cura di un tumore operabile avviene mediante intervento chirurgico, mentre la cura di una persona che soffre di disturbi psichici comprende una sinergia di operazioni che vanno dai colloqui psichiatrici e psicologici alla somministrazione di farmaci, dalla psicoterapia alla riabilitazione sociale della persona, etc. Anche in questo caso, l'ASL Città di Torino si è dimostrata efficiente, in questi ultimi decenni, per via di numerose collaborazioni con Associazioni non a scopo di lucro o onlus, come esse sono giuridicamente definite. Emergenza, diagnosi, cura, intervento, diagnostica... tutto pare tornare ad una sorta di "sinergia" di stampo quasi olistico che, pur con le notevoli diversità, se ben condotta potrebbe rappresentare una versione moderna dell'antica sinergia delle scienze dei nostri padri terreni.

Anche l'aspetto spirituale non è certamente da sottovalutare; tutti gli ospedali torinesi, infatti, hanno una forma di assistenza spirituale, sotto forma di sacerdoti, cappelle, iniziative, incontri, assistenza ai malati ed alle persone indigenti, etc. In questo sito, nella sezione del menù "Notizie", è possibile leggere l'attuale regolamentazione del Comune di Torino in materia di assistenza spirituale nelle strutture sanitarie. Probabilmente la maggior parte delle persone ha oggi una visione più tecnica della cura, rispetto al passato, ma l'assistenza verso le persone, costituite da soma, psiche e pneuma (corpo, anima e spirito), non va certamente sottovalutata né disprezzata, come a volte è accaduto in molte parti del mondo, Italia compresa. I preti, infatti, negli ospedali non servono solo per dare "l'estrema unzione", ossia il Sacramento dell'Unzione degli infermi, ma anche per sostenerli in un percorso di sofferenza che può essere molto breve ma anche molto lungo, sia nelle sedi competenti, sia dal punto di vista domiciliare. I credenti, infatti, sanno che nel Vangelo si parla del fatto che gli Apostoli di Gesù Cristo "ungevano con olio i malati e li guarivano". Ora, se questo oggi non è purtroppo la norma, è però vero che l'assistenza spirituale può avere un'importanza notevole, nei vari percorsi di cura e d'intervento, sociale e sanitario.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo