Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Morsetto Per Circoncisione

 

La circoncisione maschile è la rimozione del prepuzio dal pene umano. Nella procedura più comune, il prepuzio viene aperto, le adesioni vengono rimosse e il prepuzio viene separato dal glande. Dopo di che, può essere posizionato un dispositivo per effettuare la circoncisione e il prepuzio viene infine tagliato. L'anestesia locale viene utilizzata per ridurre il dolore e lo stress fisiologico; talvolta si ricorre all'anestesia generale. Nella maggior parte dei casi, si tratta di una procedura di chirurgia elettiva eseguita su bambini per motivi religiosi o culturali. In altre situazioni, però, può anche essere un trattamento per determinate condizioni mediche o per motivi di prevenzione. A volte è un'opzione di trattamento per i casi problematici di fimosi, di balanopostite che non si risolve con altri trattamenti e per le infezioni urinarie croniche o UTI (infezioni del tratto urinario). È controindicata in presenza di alcune anomalie della struttura genitale o di cattiva salute generale. A partire dal 15 settembre del 2017, presso l'Ospedale Martini dell'ASL di Torino, è possibile effettuare la procedura di circoncisione in sicurezza, prenotandosi tramite CUP. Il tutto ad un costo complessivo di 280 euro più 26,70 euro per la visita medica iniziale. In questo modo, i genitori di bambini ebrei e musulmani (a partire dagli otto anni di età) possono far eseguire questa procedura chirurgica da personale specializzato ed in sicurezza, sia dal punto di vista dell'intervento e dell'igiene, sia per quanto concerne la gestione del dolore e di eventuali complicanze. Considerando che negli ultimi anni ci sono stati alcuni casi di circoncisioni effettuate da persone non idonee, come dentisti o addirittura saldatori, e tenendo presente che ci sono stati anche dei decessi, soprattutto di neonati, questo servizio può avere certamente una buona utilità non solo dal punto di vista sanitario (in primis) ma anche sociale e pedagogico. Le più importanti organizzazioni mediche del mondo considerano in maniera piuttosto neutrale la circoncisione dei bambini, in quanto non presenta vantaggi o rischi significativi, oppure offre in certi casi un vantaggio modesto per la salute che supera i piccoli rischi eventualmente correlati. Nessuna grande organizzazione medica raccomanda la circoncisione universale di tutti i maschi o ne vieta la procedura. Tuttavia, le questioni etiche e giuridiche relative al consenso informato e ai diritti umani sono state sollevate sulla circoncisione dei bambini per motivi non medici, ossia religiosi o rituali, e per questo la procedura rimane controversa. Ad esempio, la circoncisione a scopo religioso delle persone di fede ebraica risale ad Abramo (circa 2000 anni prima di Cristo), per comando divino (l'ottavo giorno dopo la nascita, pratica che fu eseguita anche su Gesù). Tuttavia, in ambito cristiano, tale pratica non è ritenuta necessaria per i credenti già a partire da San Paolo Apostolo, il quale sostiene che la vera fede nel Signore riguarda tutti: circoncisi e non circoncisi, ebrei e stranieri, detti anche pagani o gentili. Inoltre, anche in alcuni brani dell'Antico Testamento si parla di "circoncisione del cuore", ossia di una vera conversione interiore, piuttosto che di una "circoncisione della carne", che a volte può essere solo un'azione esteriore e formale.

Le evidenze supportano il fatto che la circoncisione maschile riduce il rischio di infezione da virus HIV fra uomini eterosessuali nell'Africa subsahariana. Pertanto, l'OMS o Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di considerare la circoncisione come parte di un programma globale di prevenzione dell'HIV in aree ad alto tasso di HIV come la suddetta area africana. La circoncisione è inoltre associata a tassi ridotti di cancro causato da alcune forme di papillomavirus umano o HPV, d'infezioni del tratto urinario o UTI e di cancro del pene. La prevenzione di tali condizioni non è tuttavia una giustificazione per la circoncisione di routine dei neonati. Studi sui suoi potenziali effetti protettivi contro altre infezioni sessualmente trasmissibili non sono chiari. Una ricerca del 2010 ha mostrato che le circoncisioni effettuate da medici hanno avuto un tasso di complicazione tipico dell'1,5% per i bambini e del 6% per i bambini più grandi, con pochi casi di gravi complicanze. Sanguinamento, infezione e rimozione incompleta del prepuzio sono le complicanze più comuni citate. I tassi di complicazione sono più alti quando la procedura è eseguita da un operatore inesperto, in condizioni non sterili o nei bambini più grandi. La circoncisione non sembra avere un impatto negativo sulla funzione sessuale.
Circa un terzo dei maschi in tutto il mondo è circonciso. La procedura è più comune nel mondo musulmano e in Israele (dove è quasi universale per motivi religiosi), negli Stati Uniti e in alcune zone del Sud-Est Asiatico e dell'Africa. È relativamente rara in Europa, America Latina, in parti dell'Africa meridionale e in gran parte dell'Asia. L'origine della circoncisione non è conosciuta con certezza. Le prime prove documentate di cui si dispone provengono dall'antico Egitto. Sono state proposte diverse teorie sulla sua origine, anche come sacrificio religioso e come rito di passaggio che segnala l'ingresso di un ragazzo nell'età adulta. Fa parte della legge religiosa nell'ebraismo ed è una pratica consolidata nell'Islam, nel cristianesimo copto e nella Chiesa ortodossa etiopica.

La circoncisione neonatale viene solitamente scelta dai genitori per motivi non medici, come le credenze religiose o le preferenze personali, anche guidate da norme sociali. Al di fuori delle parti dell'Africa con un'elevata prevalenza dell'HIV / AIDS, le posizioni delle principali organizzazioni mediche a livello mondiale sulla circoncisione neonatale non terapeutica spaziano dalla considerazione di una modesta prestazione sanitaria netta che supera i piccoli rischi, al non avere alcun beneficio significativo in rapporto al danno. La Royal Dutch Medical Association, che esprime alcune delle più forti opposizioni alla circoncisione neonatale ordinaria, richiede che la pratica venga resa illegale per la preoccupazione che i genitori che insistono sulla procedura si rivolgano a praticanti malamente addestrati anziché a professionisti medici. Questo argomento del mantenere la procedura nell'ambito dei professionisti medici si trova in tutte le principali organizzazioni mediche. Inoltre, le organizzazioni consigliano ai professionisti medici di tener conto in una certa misura delle preferenze genitoriali, che si basano comunemente su opinioni culturali o religiose, riguardo alla loro decisione di accettare di far circoncidere il figlio. Il Collegio danese dei medici generali afferma che la circoncisione dovrebbe essere fatta solo quando è necessario dal punto di vista medico, altrimenti è un caso di mutilazione.

A causa dell'epidemia di HIV / AIDS l'Africa subsahariana è un caso speciale. La constatazione che la circoncisione riduce significativamente la trasmissione dell'HIV ha indotto le organizzazioni mediche che servono le comunità colpite a promuovere la circoncisione come un ulteriore metodo per controllare la diffusione dell'HIV. L'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'UNAIDS (2007) raccomandano la circoncisione come parte di un programma completo per la prevenzione della trasmissione dell'HIV in aree ad alto tasso endemico di HIV, a patto che il programma includa "consenso informato, riservatezza e assenza di coercizione."

La circoncisione può essere inoltre usata per trattare la fimosi patologica, la balanopostite refrattaria e le infezioni urinarie croniche o ricorrenti. La circoncisione è controindicata nei neonati con alcune anomalie della struttura genitale, come l'apertura uretrale in errore (come nell'ipospadia e nell'epispadia), la curvatura della testa del pene o i genitali ambigui, perché il prepuzio può avere necessità di chirurgia ricostruttiva. La circoncisione è anche controindicata nei neonati prematuri e in quelli che non sono clinicamente stabili e in buona salute. Se un individuo, un bambino o un adulto è conosciuto per avere una storia familiare di gravi malattie emorragiche, come l'emofilia, si consiglia di controllare il sangue per accertarne le normali proprietà di coagulazione prima di procedere all'intervento. Il prepuzio si estende dalla base del glande e lo copre quando il pene è flaccido. Le teorie proposte riguardo alla funzione del prepuzio sono che serve a proteggere il pene mentre il feto si sviluppa nel ventre materno, che aiuta a preservare l'umidità nel glande e che migliora il piacere sessuale. Il prepuzio può anche essere un percorso di infezione per alcune malattie. La circoncisione rimuove il prepuzio al suo attaccamento alla base del glande.

 

Strumento Per Circoncisione

 

Per la circoncisione neonatale, i dispositivi come il morsetto di Gomco, il morsetto Plastibell e quello di Mogen sono comunemente usati negli USA. In questo Paese viene seguita la comune procedura di base. In primo luogo, la quantità di prepuzio da rimuovere è stimata. Il praticante medico o il medico chirurgo aprono il prepuzio attraverso l'orifizio preputiale per esporre il glande sottostante e assicurarsi che sia normale, prima di separare il rivestimento interno del prepuzio (epitelio preputale) dal suo attaccamento al glande. Il medico allora mette il dispositivo di circoncisione (questo a volte richiede una fenditura dorsale), che rimane fino a quando il flusso sanguigno non si è fermato. Infine, il prepuzio viene amputato. Per i bambini più grandi e gli adulti, la circoncisione è spesso eseguita chirurgicamente senza strumenti specializzati, utilizzando alternative come quelle disponibili per il tipo Unicirc, Prepex o l'anello Shang. La circoncisione effettuata usando l'anello Shang sembra essere più sicura e più efficace di quella effettuata in maniera convenzionale.

Ci sono spiegazioni plausibili basate sulla biologia umana su come la circoncisione possa ridurre la probabilità di trasmissione di HIV da donna a uomo. Gli strati superficiali della pelle del pene contengono le cellule di Langerhans, mirate dall'HIV, e la rimozione del prepuzio riduce il numero di queste cellule. Quando un pene non circonciso è eretto durante il rapporto sessuale, qualsiasi piccola lacrima sulla superficie interna del prepuzio entra in contatto diretto con le pareti vaginali, fornendo un percorso di trasmissione. Quando un pene non circonciso è flaccido, la tasca fra l'interno del prepuzio e la testa del pene fornisce un ambiente favorevole alla sopravvivenza degli agenti patogeni, e la circoncisione elimina questa tasca. Alcune prove sperimentali sono state fornite per sostenere queste teorie. Le prove disponibili non indicano che la circoncisione offra protezione da HIV per le donne eterosessuali.

Il papillomavirus umano o HPV è l'infezione sessualmente trasmessa più comune, e colpisce sia gli uomini sia le donne. Anche se la maggior parte delle infezioni è asintomatica e viene eliminata dal sistema immunitario, alcuni tipi di virus causano verruche genitali e di altro tipo. Se non trattate, possono causare varie forme di cancro, incluso il cancro della cervice e il cancro del pene. Le verruche genitali e il cancro cervicale sono i due problemi più comuni causati da HPV. La circoncisione è associata a una ridotta prevalenza di tipi oncogenici di infezione da HPV, il che significa che un uomo circonciso casualmente selezionato è meno probabile che sia trovato infettato da tipi di HPV che causano tumori, rispetto a un uomo non circonciso. Riduce anche la probabilità di infezioni multiple. Nessuna prova forte indica che possa ridurre il tasso di nuova infezione da HPV, ma la procedura è associata ad una maggiore clearance del virus da parte del corpo, il che può rappresentare la constatazione di prevalenza ridotta. Anche se le verruche genitali sono causate da un tipo di HPV, non esiste una relazione statisticamente significativa fra la circoncisione e la presenza di verruche genitali.

Le infezioni del tratto urinario o UTI colpiscono parti dell'apparato urinario fra cui l'uretra, la vescica e i reni. C'è una prova buona, ma non definitiva, che la circoncisione dei bambini riduce l'incidenza di UTI nei bambini di età inferiore ai due anni, e c'è una giusta prova che la riduzione dell'incidenza sia di un fattore di 3-10 volte (100 circoncisioni impediscono un caso di UTI). La prevenzione di UTI non giustifica tuttavia l'uso di routine della procedura. La circoncisione può essere indicata per i ragazzi che hanno un elevato rischio di UTI a causa di difetti anatomici. C'è una plausibile spiegazione biologica per la riduzione del rischio di UTI dopo la circoncisione. L'orifizio attraverso il quale l'urina passa attraverso la punta del pene (il meato urinario) ospita più batteri che causano malattie del sistema urinario nei ragazzi non circoncisi, piuttosto che nei ragazzi circoncisi, specialmente in quelli di meno di sei mesi. Dal momento che questi batteri rappresentano un fattore di rischio per UTI, la circoncisione può ridurre il rischio di UTI attraverso una diminuzione della popolazione batterica.

La circoncisione ha un effetto protettivo contro i rischi di cancro del pene negli uomini e di cancro cervicale nei partner sessuali femminili degli uomini eterosessuali. Il cancro del pene è raro, con circa un nuovo caso per 100.000 persone all'anno nei Paesi sviluppati e tassi di incidenza più elevati per 100.000 nell'Africa subsahariana. Il numero di nuovi casi è elevato anche in alcuni paesi del Sudamerica come il Paraguay e l'Uruguay di circa 4,3 per 100.000. È meno comune negli ebrei israeliani (0,1 per 100.000) in parte per l'elevato tasso di circoncisione dei bambini. Importanti fattori di rischio per il cancro del pene comprendono la fimosi e l'infezione da HPV, entrambi mitigati dalla circoncisione. Ci sono inoltre alcune prove che la circoncisione sia associata a un rischio minore di cancro alla prostata. Una meta-analisi del 2015 ha trovato un rischio ridotto di cancro alla prostata associato alla circoncisione negli uomini neri. Un'altra meta-analisi del 2016 ha rilevato che gli uomini con cancro alla prostata avevano meno probabilità di essere circoncisi.

Alcuni effetti comportamentali sono stati osservati dopo la circoncisione neonatale, compresi i cambiamenti nei modelli del sonno, irritabilità, cambiamenti nell'alimentazione e nel legame parentale. Alcuni uomini circoncisi da neonati descrivono a volte i loro sentimenti sulla procedura usando i termini "violazione, tortura, mutilazione e assalto sessuale".

Le organizzazioni mediche possono influenzare il tasso di circoncisione neonatale di un Paese cercando di decidere se i costi della procedura sono a carico dei genitori o sono coperti da un'assicurazione o da un sistema sanitario nazionale. Le politiche che richiedono che i costi siano pagati dai genitori producono tassi di circoncisione neonatali più bassi. Il calo dei tassi nel Regno Unito è un esempio; un altro è rappresentato dagli Stati Uniti: nei singoli Stati in cui l'assicurazione o Medicaid copre i costi, vi sono tassi di circoncisione più elevati. I cambiamenti della politica sono guidati dai risultati delle nuove ricerche e moderati dalla politica stessa, dalla demografia e dalla cultura delle comunità.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo