Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Infermiera E Paziente

 

Nell'ambito della Regione Piemonte, sono stati attivati due corsi di studi per la formazione della figura professionale dell'Infermiere di Famiglia e Comunità. In questo progetto sono coinvolte l'Università degli Studi di Torino ad Orbassano e l'Università del Piemonte Orientale a Tortona. Fondamentalmente, si tratta di due "master" che mirano a dare agli infermieri gli strumenti teorici e pratici necessari per affrontare meglio alcune tematiche riguardanti la salute delle persone in contesti "sociali" come, per l'appunto, la famiglia e la comunità, soprattutto in caso di pazienti anziani o con "fragilità" non direttamente correlate alla presenza di particolari patologie.

In alcuni Paesi, come in alcune Nazioni anglosassoni, gli infermieri possono svolgere attività equiparabili a quelle erogate dai medici, come ad esempio la prescrizione di alcuni farmaci. Anche se in Italia ci sono delle differenze ancora molto grandi fra medici ed infermieri, soprattutto per via degli studi e degli ambiti operativi, la nuova figura di operatore sanitario denominata "Infermiere di Famiglia e Comunità" intende essere una forma proattiva di assistenza sanitaria. Gli obiettivi e le direttive spaziano dall'educazione delle persone a stili di vita migliori e più salubri (prevenzione) all'aiutarle ad individuare da sé alcuni sintomi e possibili trattamenti, ossia ad una risoluzione più efficace e consapevole di situazioni che non hanno l'immediato bisogno dell'azione di un medico o di uno specialista o che, comunque, coadiuvano l'assistenza medica ed ospedaliera.

Oltre a questo sostegno di natura personale e proattiva, gli Infermieri di Famiglia e di Comunità possono aiutare le persone a gestire meglio diverse patologie croniche, ascoltando anche le loro necessità più o meno impellenti. Le Aziende Sanitarie Locali coinvolte in questo progetto sono al momento le seguenti: l'ASL Città di Torino, l'ASL TO3, l'ASL Cuneo 1 (che è stata la prima ad attivarlo), l'ASL di Asti, l'ASL di Novara e l'ASL del Verbano Cusio Ossola. La maggior parte dei servizi offerti, in pratica, è volta al potenziamento ed al perfezionamento dell'assistenza territoriale e domiciliare, soprattutto per quanto riguarda le persone anziane, i malati cronici, le mamme ed i loro bambini. L'azione di questi infermieri ed infermiere è quindi flessibile non solo in base al territorio ed alle esigenze che esso presenta, ma anche in base alle necessità concrete delle persone e delle famiglie, in un'azione sanitaria di tipo prettamente "comunitario", anche nell'ambito delle Case della Salute di recente attivazione ed in via di costituzione. Un tale modus operandi è anche volto a ridurre la portata di alcuni casi di mancata o solamente parziale integrazione fra i servizi ospedalieri, ambulatoriali, infermieristici e territoriali, pur involontari e dovuti a varie cause indipendenti dagli operatori sanitari stessi.

Nell'ambito della "prevenzione" di cui sopra, ad esempio, da qualche tempo si usa classificarla in tre gradi di specificità: la prevenzione primaria riguarda l'esortazione a ridurre i possibili fattori di rischio, soprattutto per quanto concerne le patologie cardiovascolari, polmonari e di natura infettiva; la prevenzione secondaria riguarda l'effettuazione di analisi cliniche volte alla diagnosi precoce delle malattie; la prevenzione terziaria si attua in caso di malattie già diagnosticate ed in fase di cura, al fine di evitare, per quanto possibile,  fenomeni di riacutizzazione o aggravamento. In tutto ciò, l'Infermiere di Famiglia e di Comunità è destinato ad avere una maggiore libertà di azione propositiva ed operativa, anche per il fatto che il suo lavoro consiste anche nel sentire "il polso" delle varie situazioni, che possono essere non solo di natura medica, ma anche sociale, psicologica ed economica, demandando in seguito eventuali azioni mirate ad altri professionisti.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo