Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Chirurgia

 

Il medico specialista in Chirurgia è il Chirurgo. Una conoscenza di base della materia la possiedono tutti i medici, in quanto il corso di laurea base è denominato Medicina e Chirurgia. Tuttavia, come descritto più avanti, esistono diverse specializzazioni di tipo chirurgico.

Nell'ambito dell'ASL unica Città di Torino sono presenti i seguenti servizi riguardanti la Chirurgia:

- Presso l'Ospedale Maria Vittoria di via Cibrario 72:

- Chirurgia Generale 1

- Chirurgia Generale 2

- Chirurgia Generale 2 ad indirizzo Oncologico

- Day Hospital di Chirurgia Generale 2

- Chirurgia Laparoscopica Universitaria

- Chirurgia Plastica e della mano (corso Tassoni 46)

- Chirurgia Toraco Polmonare

- Medicina e Chirurgia di Accettazione e Urgenza

 

- Presso l'Ospedale San Giovanni Bosco di Piazza del Donatore di Sangue 3:

- Chirurgia Ambulatoriale

- Chirurgia Generale A

- Chirurgia Generale 2

- Chirurgia Maxillo-Facciale

- Chirurgia Oncologica

- Chirurgia Toracica

- Chirurgia di Urgenza

- Chirurgia Vascolare

- Medicazione Chirurgica

- Neurochirurgia

 

- Presso l'Ospedale Oftalmico - Ora Nuovo Poliambulatorio di via Juvarra 19 l'attività chirurgica si effettua in cinque sale operatorie, di cui una dedicata all'urgenza ed una alla chirurgia ambulatoriale. In particolare, presso questo nosocomio, si effettuano interventi di chirurgia vitroretinica e di chirurgia della cataratta. Eventuali variazioni, sospensioni o disattivazioni di questi servizi sono concomitanti con la particolare situazione di questo Ospedale.

 

- Presso il Poliambulatorio di Lungo Dora Savona 24:

- Ambulatorio di Medicazione e Chirurgia Generale

- Angiologia e Chirurgia Vascolare

 

- Presso il Poliambulatorio di via Montanaro 60:

- Ambulatorio di Medicazione e Chirurgia Generale

 

- Presso il Poliambulatorio di via Cavezzale 6:

- Angiologia e Chirurgia Vascolare

 

- Presso il Poliambulatorio di Via del Ridotto 3/9:

- Chirurgia del Sistema Nervoso Periferico

 

- Presso il Presidio Ospedaliero Martini di via Tofane 71 - Telefono: 01170952327 - Fax: 01170952327

- Centro per la Cura delle Stomie: il paziente effettua una Prima Visita Stomaterapica e, se necessario, c'è un proseguimento della cura attraverso un percorso diagnostico, terapeutico ed assistenziale che coinvolge la Chirurgia, l'Urologia, l'Oncologia, il Servizio di Vulnologia ed il servizio di Dietologia.

- Chirurgia degli Accessi Vascolari: preparazione di fistole artero-venose per emodialisi e posizionamento di cateteri venosi centrali.

- Chirugia Generale ed altre specializzazioni chirurgiche

 

- ASL Territoriale di via Gorizia 114:

- Chirurgia

 

- ASL Territoriale di via Monginevro 130 - Poliambulatorio Specialistico:

- Chirurgia

 

- ASL Territoriale di corso Corsica 55:

- Chirurgia

 

- ASL Territoriale di via Farinelli 25:

- Chirurgia

 

Strumenti Chirurgici

 

La parola "chirurgia", dal latino, significa "lavoro manuale", ed è infatti un'antica specialità medica che utilizza tecniche manuali e strumentali, al fine di "operare" su un paziente per indagare e trattare una condizione patologica come le malattie e gli infortuni, per ripristinare le corrette funzioni corporali, per migliorarne l'aspetto o per riparare indesiderate aree di rottura come, per esempio, una perforazione del timpano.

L'azione chirurgica è quindi di vario tipo, e nel complesso si definisce "intervento chirurgico" o "operazione". In questo contesto, il verbo "operare" significa eseguire un intervento chirurgico. La definizione "chirurgico" si applica anche agli strumenti "chirurgici" o all'infermeria "chirurgica". Il paziente o soggetto su cui viene eseguito un intervento chirurgico può essere una persona o un animale. Il chirurgo è una persona che pratica la chirurgia, il quale è aiutato dagli "assistenti del chirurgo". Un team chirurgico è costituito dal chirurgo, dagli assistenti, dall'anestesista, e da uno o più infermieri e tecnici. Un'operazione, di solito, necessita di un tempo che varia da alcuni minuti a diverse ore, ma non è in genere di tipo continuo o periodico.

La chirurgia è una tecnologia che consiste in un intervento fisico sui tessuti. Come regola generale, una procedura chirurgica è considerata tale quando si prevede il taglio di tessuti di un paziente o la chiusura di una ferita. Altre procedure non rientrano necessariamente in queste tipologie d'intervento, come l'angioplastica o l'endoscopia, ma possono considerarsi degli interventi chirurgici se comportano una "comune" procedura o delle impostazioni di tipo chirurgico, come l'uso di un ambiente sterile, l'anestesia, le condizioni antisettiche, strumenti di tipo chirurgico, sutura o pinzatura. Tutte le forme d'intervento chirurgico sono considerate procedure invasive; la cosiddetta "chirurgia non invasiva" di riferisce solitamente ad una escissione che non penetra la struttura che viene asportata, come ad esempio l'ablazione laser della cornea, oppure ad una procedura radiochirurgica, come ad esempio l'irradiazione di un tumore.

Le procedure chirurgiche sono comunemente classificate in base all'urgenza, al tipo di procedura, alle parti del corpo coinvolte, al grado d'invasività e ad un'eventuale strumentazione speciale.

- Sulla base della tempistica: la chirurgia elettiva si effettua in caso di pericolo di vita. Un intervento chirurgico semi-elettivo è quello che viene effettuato per evitare un'invalidità permanente e la probabilità di morte, ma che può essere rinviato per un breve periodo. La chirurgia d'urgenza riguarda gli interventi che devono essere fatti tempestivamente per salvare la vita, l'incolumità fisica o la capacità funzionale.

- Sulla base dello scopo: la chirurgia esplorativa è effettuata per aiutare o confermare una diagnosi. La chirurgia terapeutica tratta una condizione già diagnosticata. La chirurgia estetica è fatta per migliorare soggettivamente l'aspetto di una struttura altrimenti normale.

- Per tipo di procedura: l'amputazione comporta il taglio di una parte del corpo, di solito un arto o un dito; la castrazione rientra in questa categoria. La resezione è la rimozione di un intero organo interno o di una parte di esso, oppure di un altro tipo di parte del corpo. Il reimpianto consiste nel riattaccare una parte di corpo recisa. La chirurgia ricostruttiva comporta la ricostruzione di una parte del corpo mutilata o deformata. L'escissione è il taglio o il prelievo che si effettua su un organo o un'altro tipo di parte del corpo. La chirurgia dei trapianti riguarda la sostituzione di un organo o di un'altro tipo di parte del corpo, mediante l'inserimento di un organo umano o animale prelevato da un altro individuo; anche la rimozione di un organo o di un altro tipo di parte del corpo da un essere umano vivo o da un animale, per effettuare un trapianto, è un tipo di chirurgia.

- In base alla parte del corpo operata: quando l'intervento chirurgico viene eseguito su un determinato tessuto, organo, sistema o apparato può essere fatta una classificazione del tipo di chirurgia effettuato. Per esempio, c'è la chirurgia cardiaca (eseguita sul cuore), la chirurgia gastrointestinale (eseguita all'interno del tubo digerente e dei suoi organi accessori) e la chirurgia ortopedica (effettuata su ossa e / o muscoli).

- In base alle attrezzature utilizzate: la chirurgia laser comporta l'uso di un laser per tagliare i tessuti, invece di un bisturi o strumenti chirurgici simili. La microchirurgia implica l'uso di un microscopio operativo, per permettere al chirurgo di vedere delle strutture piccole. La chirurgia robotica fa uso di un robot chirurgico, come il Leonardo o i sistemi chirurgici Zeus, sotto la direzione del chirurgo.

Nei moderni ospedali, gli interventi chirurgici si svolgono normalmente nelle sale operatorie, e vedono l'utilizzo di strumenti chirurgici, un tavolo operatorio per il paziente ed altre attrezzature. L'ambiente e le procedure utilizzate in chirurgia sono disciplinate dai principi della tecnica asettica: la netta separazione fra microrganismi e "cose sterili"; in caso contrario si parla di "cose contaminate". Tutti gli strumenti chirurgici devono essere sterilizzati, oppure devono essere risterilizzati o sostituiti se contaminati. Il personale presente nella sala operatoria deve indossare abiti sterili, come maschere, cappelli, camici e guanti, e deve passare su mani e braccia un agente disinfettante approvato prima di ogni procedura. Vi è una moderata evidenza di qualità nell'utilizzo di un doppio strato di guanti, rispetto ad un paio singolo, al fine di ridurre gli effetti di perforazioni e macchie di sangue sulla pelle, con una conseguente diminuzione d'incidenti dovuti all'esposizione percutanea.

La Chirurgia Generale, diversamente da quanto suggerisce il nome, è una specializzazione chirurgica che si concentra soprattutto sugli organi della cavità addominale, come per esempio l'intestino, l'esofago, lo stomaco, il colon, il fegato, la cistifellea compresi i dotti biliari, e spesso si occupa anche della tiroide (a seconda della disponibilità di chirurghi specializzati per operare su testa e collo, come gli otorinolaringoiatri) e delle ernie.

 

Le principali specializzazioni chirurgiche sono le seguenti:

- Cardiochirurgia

- Chirurgia dell'apparato digerente ed endoscopica

- Chirurgia d'urgenza

- Chirurgia generale

- Chirurgia maxillo-facciale

- Chirurgia odontostomatologica

- Chirurgia pediatrica

- Chirurgia plastica e ricostruttiva

- Chirurgia toracica

- Chirurgia vascolare

- Ginecologia e Ostetricia

- Neurochirurgia

- Oftalmologia

- Ortopedia e traumatologia

- Otorinolaringoiatria e chirurgia cervico-facciale

- Urologia

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Chirurghi

 

Cher Zhao ha recentemente avuto la rara opportunità di fare pratica per quanto riguarda le competenze appartenenti ai ghirurghi più esperti: la chirurgia ricostruttiva con innesto di cartilagine. Questo, tuttavia, è stato conveniente per il Rettore della Scuola di Medicina dell'Università del Michigan. Con il bisturi in mano, Zhao era seduto ad un tavolo da scultura effettuando precise misurazioni con del materiale realistico, progettato per imitare la superficie della cartilagine umana.

Nel mondo reale, queste parti potrebbero essere tagliate dalla costola di un paziente per essere utilizzate per gli innesti per la ricostruzione delle vie aeree o dell'orecchio. In queste procedure, quindi, è fondamentale che i pezzi siano tagliati in maniera esatta. Gli strumenti che hanno fornito a Zhao ed ai suoi colleghi questa esperienza coinvolgente sono stati dei modelli tridimensionali basati su parti anatomiche umane reali.

I ricercatori dell'Università del Michigan stanno usando la stampa in 3D per fornire ai chirurghi un altro modo per far progredire la qualità delle cure. Le repliche stampate e realistiche sono uno strumento economicamente efficiente per migliorare l'esperienza pratica degli allievi, come Zhao, secondo quanto scritto da questi ricercatori in un articolo pubblicato in una rivista di Otorinolaringoiatria Chirurgica Cervico Facciale. David Zopf, autore senior dell'articolo e pediatra chirurgico presso l'ospedale dei bambini C. S. Mott ha affermato: "La stampa in 3D sta portando un nuovo significato all'esperienza pratica dei chirurghi in formazione. L'esperienza di prima mano è fondamentale per acquisire e migliorare le competenze chirurgiche, in particolare per quanto riguarda procedure nuove e complesse." Zopf ha una stampante 3D nel suo ufficio. "Si tratta di uno strumento interessante che non solo offre un'opportunità che i tirocinanti altrimenti non avrebbero, ma che permette anche di mostrare la loro competenza prima di operare i bambini."

La squadra dell'ospedale Mott ha usato la stampa in 3D per quasi sei anni, ed ora ha la capacità di produrre a basso costo e più velocemente. I modelli si basano sulle immagini ottenute da scansioni TAC, e la stampa in 3D aiuta i chirurghi ad affinare il loro mestiere. Gli allievi chirurghi hanno intagliato un modello tridimensionale di innesto di cartilagine umana, ottenuto per mezzo di una TAC di una costola di un paziete pediatrico. Queste innovative tecniche in 3D hanno contribuito a salvare la vita di neonati con grave tracheobroncomalacia, che provoca una periodica compressione della trachea, impedendo la normale respirazione. La stampa in 3D è stata anche utilizzata per pianificare delle nascite di feti potenzialmente complicate. Inoltre, è stata applicata a casi complessi che coinvolgono la rimozione chirurgica di tumori, fra cui una replica completa del cranio di un giovane paziente, al fine di pianificare una migliore strategia di azione.

Queste scoperte sono particolarmente preziose in chirurgia pediatrica, quando ci sono poche opzioni alternative per la formazione di prima mano dei chirurghi. Zopf, che ha contribuito a sviluppare modelli ad alta fedeltà per la ricostruzione dell'orecchio, del labbro leporino e della chirurgia della mandibola, ha affermato: "La ricostruzione delle vie respiratorie in casi speciali è una procedura tecnicamente impegnativa, che spesso comporta dei tagli nella cartilagine, per sostenere ed espandere la trachea da ricostruire. Attualmente, un chirurgo in allenamento ha scarse possibilità di tagliare la cartilagine al fine di trapiantarla in questo tipo di procedura. Vogliamo vedere se la stampa in 3D è in grado di accelerare e migliorare la formazione chirurgica."

Diciotto chirurghi tirocinanti, fra cui Zhao, hanno partecipato a questa formazione l'anno scorso. Hanno praticato degli intagli su modelli stampati in 3D di una cartilagine umana per trapianto, realizzati mediante una TAC di una costola di un paziente pediatrico. Lo stampo è stato riempito con amido di mais e silicone, per dare la sensazione e la consistenza della cartilagine reale. La maggior parte dei partecipanti ha detto che questo esercizio è stato uno strumento di formazione molto rilevante, e che le repliche sono state anche utili per dimostrare le loro competenze agli insegnanti.

Zhao dice che l'esperienza può rafforzare la formazione medica, in particolare per i medici chirurghi che vogliono specializzarsi in otorinolaringoiatria pediatrica per bambini con disturbi alle vie respiratorie. "C'è una sola possibilità per ritagliare un innesto raccolto dalla costola di un paziente, in modo da farlo perfettamente la prima volta. Ci vogliono anni di pratica per apprendere le competenze tecniche per farlo. Questa è stata un'esperienza molto realistica, ed è una grande cosa che si possano continuare a stampare dozzine di questi modelli, in modo da poter praticare più e più volte."

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo