Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Virus Zika

 

Il virus Zika ha portato l'Organizzazione Mondiale della Sanità a dichiarare l'inizio di un'emergenza globale per la salute pubblica nel mese di febbraio del 2016, ma quanto si sa veramente sui suoi potenziali effetti in neurobiologia ed in neuropsichiatria? Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Neuropsichiatric Disease and treatment, esamina questo problema analizzando la letteratura in materia.

Il virus Zika è un arbovirus diffuso dalla zanzara Aedes aegypti, ed è fortemente legato a malformazioni congenite nei neonati da madri che hanno contratto la malattia durante la gravidanza. Tuttavia, non è noto molto circa i meccanismi alla base delle complicanze neurologiche della malattia e quali ulteriori ricerche siano necessarie, secondo gli autori di questo recente studio.
L'articolo, intitolato "Sfide del virus Zika alla neuropsichiatria", esamina le evidenze emergenti da gran parte degli studi in vitro per studiare meglio l'effetto del virus Zika sulle cellule neuronali. Gli autori hanno inoltre esaminato un'associazione temporale fra l'infezione da Zika e l'aumento dei casi di sindrome di Guillain-Barré.

L'autore principale dell'articolo, Antonio Teixeira della Scuola Medica McGovern dell'Università del Texas, ha affermato: "La letteratura rivela che ulteriori studi riguardanti i meccanismi che sottendono ai danni neuronali indotti da Zika sono giustificati." "Gli studi possono mostrare le conseguenze neurologiche e psichiatriche, congenite, post-nascita e a lungo termine dell'infezione da Zika. Inoltre, sono necessari criteri diagnostici affidabili per l'identificazione dei casi di microcefalia."

Prosegue affermando: "C'è una chiara associazione temporale fra la crescente segnalazione dei casi di microcefalia e del GBS e dello scoppio dell'epidemia di virus Zika. A breve termine, poiché non sono disponibili trattamenti farmacologici né vaccini, la prevenzione dell'infezione da virus Zika si basa su misure di protezione contro le punture di zanzara."

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo