Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

News mediche e scientifiche

Notizie di medicina e scienza

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Un gruppo di ricercatori ha identificato il possibile percorso biologico per riavviare il sistema immunitario in seguito ad un trapianto di midollo osseo. Questa ricerca ha mostrato la modalità con cui una macromolecola della superficie cellulare, il recettore Lymphotoxin ß, controlla l'ingresso delle cellule T nel timo. Tale scoperta offre l'opportunità di comprendere perché i pazienti oncologici sottoposti a trapianto di midollo osseo sono lenti a recuperare il loro sistema immunitario. Lo studio, pubblicato sul Journal of Immunology, ha utilizzato dei modelli di topo per rivelare un meccanismo in vivo che i ricercatori ritengono potrebbe rappresentare anche un nuovo percorso per l'obiettivo immunoterapeutico, al fine di supportare i pazienti dopo il trapianto.

Il timo è un organo che si trova di fronte al cuore e dietro lo sterno, il quale importa i precursori delle cellule T dal midollo osseo e supporta il loro sviluppo in cellule T mature che combattono le malattie. Le cellule T sono delle cellule bianche del sangue che sono spesso le ultime a recuperare nei pazienti oncologici che ricevono trapianti di midollo osseo. Anche se c'è stata la guarigione dal tumore, i pazienti vengono spesso lasciati con un sistema immunitario compromesso che può richiedere anni per riprendersi. Il team di Birmingham, supportato da collaboratori statunitensi che lavorano presso lo Sanford Burnham Medical Research Institute e presso The Trudeau Institute, ha scoperto che il recettore Lymphotoxin ß è necessario per consentire l'ingresso dei progenitori delle cellule T nel timo, sia in uno stato sano, sia durante il recupero del sistema immunitario dopo un trapianto di midollo osseo.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Un vaccino è un preparato biochimico che fornisce immunità acquisita attiva nei confronti di una particolare patologia infettiva o di altro tipo. Un vaccino contiene tipicamente un agente simile al microrganismo che causa una determinata malattia, ed è spesso costituito da forme indebolite o uccise dei microrganismi medesimi (virus o batteri), dalle loro eventuali tossine o da una delle loro proteine di superficie. L'agente stimola il sistema immunitario del corpo a riconoscerlo come una minaccia, a distruggerlo ed a riconoscere e distruggere ulteriormente tutti i microrganismi associati a quell'agente che potrebbe incontrare in futuro. I vaccini possono essere profilattici, al fine di prevenire le malattie o per migliorare la risposta immunitaria in conseguenza di una futura infezione da un patogeno naturale o "selvaggio", oppure terapeutici, come, ad esempio, nel caso dei vaccini contro il cancro, attualmente ancora in fase di studio. L'efficacia della vaccinazione è stata ampiamente studiata e verificata, come nel caso del vaccino antinfluenzale, del vaccino HPV e del vaccino contro la varicella. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha riferito che i vaccini autorizzati sono attualmente disponibili per 25 diverse infezioni prevenibili. La somministrazione dei vaccini è chiamata vaccinazione, ed è il metodo più efficace per prevenire le malattie infettive. L'immunità diffusa dovuta alla vaccinazione è in gran parte responsabile dell'eradicazione mondiale del vaiolo e della limitazione della diffusione di malattie come la poliomielite, il morbillo e il tetano, provenienti da gran parte del mondo. Anche se in alcuni laboratori ad elevatissima sicurezza è ancora presente il virus che causa il vaiolo, esso è stato "eradicato", cioè non è più presente in circolazione.

A Torino è possibile prenotarsi per effettuare vari tipi di vaccinazioni contro diverse malattie infettive, attraverso i numeri SovraCUP 840705007 da telefono fisso oppure 0115160666 da telefono cellulare. Inoltre, è possibile recarsi personalmente presso gli sportelli del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica, ubicato in via della Consolata 10 (Telefono: 0115663015 - Fax: 0115663119). Altre sedi dell'ASL Città di Torino in cui è possibile essere vaccinati sono situate in via Farinelli 25 (Telefono: 0115664160), in corso Racconigi 96 (Telefono: 0115664841) ed in corso Vercelli 15 (Telefono: 0115664851).

I termini vaccino e vaccinazione derivano dall'espressione latina "variolae vaccinae" o "vaiolo della mucca", definizione utilizzata da Edward Jenner per indicare il vaiolo. La impiegò nel 1798 per la sua ricerca su questa grave malattia, nella quale descrisse l'effetto protettivo del vaccino contro il vaiolo. Nel 1881, per onorare Jenner, Louis Pasteur (noto chimico e microbiologo) propose che i termini fossero estesi per coprire le nuove vaccinazioni protettive che si stavano sviluppando, anche per merito suo. I vaccini sono attualmente il mezzo più efficace per combattere ed eventualmente eradicare le malattie infettive. Tuttavia, esistono alcune limitazioni alla loro efficacia. A volte la protezione non riesce ad attivarsi perché il sistema immunitario dell'ospite semplicemente non risponde adeguatamente o totalmente. La mancanza di risposta immunitaria deriva comunemente da fattori clinici come il diabete, l'uso di steroidi, l'infezione da HIV o l'età. Potrebbe anche fallire per ragioni genetiche, se il sistema immunitario dell'ospite non produce ceppi di cellule B che possano generare anticorpi adatti a reagire in modo efficace, legandosi agli antigeni associati all'agente patogeno.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Struttura Generica Di Aminoacido

 

Come delle perline singole e di forma diversa sono collegate fra di loro in una collana, così gli aminoacidi sono uniti per formare le proteine. La funzione principale degli aminoacidi è infatti quella di fungere da elementi costitutivi delle proteine. Le proteine tendono ad essere tipicamente composte da 50 a 2000 aminoacidi uniti end-to-end in molte combinazioni diverse.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Globuli Rossi

 

L'anemia è un termine medico che fondamentalmente si riferisce ad un basso contenuto di emoglobina nel sangue. L'emoglobina è una molecola proteica presente nei globuli rossi, la quale trasporta l'ossigeno dai polmoni ai tessuti del corpo e restituisce il biossido di carbonio o anidride carbonica dai tessuti ai polmoni. Gli esseri umani possono soffrire di molti diversi tipi di anemia. Il tipo più comune di anemia è l'anemia provocata dalla carenza di ferro.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Osteoartrite

 

Un gruppo di scienziati ha progettato dei sensori indossabili potenzialmente in grado di prevedere come i pazienti affetti da osteoartrite al ginocchio potrebbero migliorare con la terapia fisica. L'osteoartrite è un tipo di malattia articolare in cui la cartilagine e l'osso circostante si rompono, lasciando i pazienti con un grave dolore alle articolazioni, rigidità e mobilità ridotta.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Virus Ebola

 

Alcuni scienziati hanno identificato una serie di biomarcatori che indicano quali pazienti infetti dal virus Ebola sono maggiormente a rischio di morte per la malattia. I risultati provengono dai ricercatori del Department of Energy del Northwest Pacific National Laboratory e dai loro colleghi dell'Università del Wisconsin-Madison, la Icahn School of Medicine del Monte Sinai, l'Università di Tokyo e l'Università della Sierra Leone. I risultati sono stati pubblicati online il 16 novembre sulla rivista Cell Host & Microbe.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Formula Di Struttura Del Pregabalin

 

In un recente studio, alcuni ricercatori hanno studiato la sicurezza e l'efficacia del farmaco pregabalin per il trattamento della sciatica acuta e cronica. Il pregabalin, commercializzato con il marchio Lyrica ed altri, è un farmaco usato per trattare l'epilessia, il dolore neuropatico, la fibromialgia e il disturbo d'ansia generalizzato. Il suo uso per l'epilessia è una terapia aggiuntiva per le crisi parziali con o senza generalizzazione secondaria negli adulti.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

BRET

 

Il trasferimento di energia a risonanza di bioluminescenza o BRET è una tecnologia di analisi basata su cellule non invasive e avanzata, utilizzata per rilevare le interazioni proteina-proteina. BRET coinvolge tag di proteine fluorescenti e bioluminescenti con corrispondenti proprietà di emissione ed eccitazione per lo studio del trasferimento di energia di risonanza fra i tag proteici nelle loro vicinanze a causa delle loro interazioni. L'identificazione di queste interazioni proteina-proteina fornisce informazioni vitali su varie malattie e migliora i metodi di trattamento.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn





Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo