Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Fitwalking Camminata Veloce

 

Una nuova ricerca suggerisce che l'esercizio fisico, in particolare da moderata a intensa intensità, come camminare a passo sostenuto (fitwlking) o fare jogging (correre), può aiutare a ridurre il rischio di glaucoma, una delle principali cause di cecità.
Un gruppo di ricercatori dell'Università della California a Los Angeles ha presentato le sue nuove scoperte nel corso dell'incontro annuale dell'American Academy of Ophthalmology, tenutosi a New Orleans. Utilizzando i dati raccolti a livello nazionale negli Stati Uniti, i ricercatori hanno scoperto che, rispetto alle persone meno attive, quelle fisicamente attive sembravano avere un rischio inferiore del 73% di sviluppare il glaucoma.

Il glaucoma è un insieme di condizioni che danneggia il nervo ottico dell'occhio e causa perdita della vista. La forma più comune, il glaucoma ad angolo aperto, aumenta la pressione all'interno dell'occhio. Non esiste una cura definitiva per il glaucoma ma, se viene diagnosticato precocemente, ci sono dei trattamenti. Questi includono colliri da prescrizione che possono rallentarne la progressione e preservare la vista.

In tutto il mondo, il glaucoma è la principale causa di cecità irreversibile. I ricercatori hanno stimato che nel 2013, in tutto il mondo, il numero di persone di età compresa fra i 40 e gli 80 anni con glaucoma era di 64,3 milioni. Si prevede che questo numero possa salire a 111,8 milioni entro il 2040.

Sebbene il glaucoma possa colpire chiunque, ci sono alcuni gruppi di persone con un rischio maggiore di svilupparlo. Ad esempio, negli Stati Uniti, è più comune negli afroamericani di età superiore ai 40 anni e in tutte le persone di 60 anni e più con una storia familiare della malattia. È anche più comune nelle persone con diabete. Le persone possono aiutare a ridurre la perdita della vista causata dal glaucoma controllando la pressione sanguigna, mantenendo un peso sano ed essendo fisicamente attive. Questi accorgimenti aiutano anche a prevenire il diabete ed altre condizioni che sono collegate ad un più alto rischio di glaucoma.

C'è da tempo la consapevolezza che le scelte di vita non influenzano il glaucoma stesso. Ma alcuni studi recenti hanno dimostrato un legame fra i fattori dello stile di vita e la pressione oculare, che è un fattore di rischio significativo per il glaucoma. La Dott.ssa Victoria L. Tseng, uno dei ricercatori dietro il nuovo studio, osserva che alcuni studi hanno dimostrato che l'esercizio fisico può alterare il flusso sanguigno verso l'occhio e la pressione al suo interno. Così, lei ed i suoi colleghi hanno deciso di indagare il legame fra intensità di esercizio e glaucoma, utilizzando i dati del National Health and Nutrition Examination Survey o NHANES.

Il NHANES ha monitorato la salute e l'alimentazione di bambini e adulti negli Stati Uniti dagli anni '60, ed è considerato unico perché i partecipanti si sottopongono a esami fisici e a colloqui. Nel 2003, il sondaggio ha iniziato a utilizzare dispositivi ActiGraph indossabili per monitorare l'attività fisica, come camminare e fare jogging. Prima di allora, le informazioni riguardanti l'attività fisica venivano raccolte per mezzo dei colloqui.

Per questo nuovo studio, i ricercatori hanno usato la velocità e i passi al minuto per definire il livello di attività fisica. Hanno notato che 30 minuti di attività da moderata a vigorosa per almeno 5 giorni della settimana equivale a camminare per un totoale di circa 7000 passi al giorno, ogni giorno della settimana. Quando ha analizzato i dati, il team ha riscontrato una riduzione del 6% del rischio di sviluppare il glaucoma per ogni aumento di 10 unità della velocità di camminata e dei passi al minuto. Hanno anche riscontrato una riduzione del 25% del rischio di glaucoma per ogni aumento di 10 minuti della quantità settimanale di attività da moderata a vigorosa.

La Dott.ssa Victoria L. Tseng ha affermato: "La nostra ricerca suggerisce che non è solo l'esercizio fisico che può essere associato ad un ridotto rischio di glaucoma, ma che le persone che si esercitano con maggiore velocità e più passi di camminata o corsa possono anche ridurre ulteriormente il rischio di glaucoma rispetto alle persone che si allenano a velocità più basse con meno passi." Tuttavia, i ricercatori sottolineano che altri team ora hanno bisogno di guardare in modo più solido alla relazione diretta fra il glaucoma e l'attività fisica, prima che possano essere formulate delle linee guida cliniche in base ai risultati. La Dott.ssa Tseng ha affermato che, nel frattempo, lei consiglia ai suoi pazienti di fare esercizio perché ne trae beneficio la salute in generale, così come i loro occhi.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo