Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Ape Su Un Fiore

 

Le api operaie e l'ape regina, se esposte a livelli considerevoli di pesticidi neonicotinoidi muoiono presto, riducendo la salute dell'intera colonia, come ha mostrato un nuovo studio condotto dai biologi dell'Università di York. I ricercatori sono stati anche sorpresi dallo scoprire che il polline contaminato dal neonicotinoide raccolto dalle api non proveniva da colture coltivate da semi trattati con neonicotinoidi, ma da piante che crescevano in aree adiacenti a quelle colture.

Il ruolo degli insetticidi neonici nelle morti di colonie di api in Ontario e in altre parti del Nord America è stato per un po' di tempo controverso. Alcuni critici hanno licenziato gli studi in cui si erano trovati degli effetti negativi sul comportamento delle api e sulla salute delle colonie come irrealistici, suggerendo che le api erano state esposte a dosi superiori di pesticidi molto più a lungo di quanto avviene realisticamente sul campo.

"Questo dibattito sull'esposizione realistica sul campo sta andando avanti da molto tempo", ha affermato Amro Zayed della Facoltà di Scienze della Biologia dell'Università di York. "Abbiamo bisogno di un monitoraggio stagionale dei pesticidi neonici nelle colonie di api per determinare gli scenari tipici di esposizione che si verificano sul campo, come abbiamo fatto ora."

Il gruppo di ricerca ha studiato delle colonie di api da miele in cinque apiarie situate vicino a campi di mais coltivato da semi trattati con neonicotinoidi, e sei apiarie lontane dalle coltivazioni. Queste colonie sono state ampiamente campionate e testate per i pesticidi da inizio maggio a settembre. "Le colonie di api vicine ai campi di mais sono state esposte a neonicotinoidi da tre a quattro mesi. Questa è la maggior parte della stagione in cui le api sono attive nel Nord America temperato", ha affermato Nadia Tsvetkov dell'Università di York.

Tuttavia, il polline contaminato dal neonicotinoide raccolto dalle api non apparteneva a cereali o piante di soia, le due colture primarie coltivate da semi trattati con insetticidi neonici in Ontario e in Quebec. Tsvetkov ha affermato: "Ciò indica che i neonicotinoidi, che sono solubili in acqua, passano dai campi agricoli all'ambiente circostante, dove vengono ripresi da altre piante che sono molto attraenti per le api."

I ricercatori hanno quindi alimentato sistematicamente le colonie con un supplemento di polline artificiale contenente quantità progressivamente minori del neonicotinoide più comunemente usato in Ontario, il clothianidin, per un periodo di 12 settimane. L'esperimento ha imitato ciò che sarebbe avvenuto naturalmente sul campo. Le api operaie esposte al polline trattato durante i primi nove giorni di vita hanno avuto la vita medesima ridotta del 23%. Le colonie che sono state esposte al polline trattato non sono riuscite a mantenere una regina sana e avevano una scarsa igiene. "Abbiamo scoperto che l'esposizione realistica ai neonicotinoidi nei campi di mais riduce la salute delle colonie di api", ha dichiarato Tsvetkov.

Anche se l'esposizione cronica ai neonicotinoidi ha effetti negativi sulle api, i ricercatori hanno anche scoperto che un fungicida comunemente usato può interagire con i neonicotinoidi per renderli ancora più pericolosi. "L'effetto dei neonicotinoidi sulle api di miele si trasforma rapidamente da cattivo a pessimo quando si aggiunge il fungicida boscalide nella miscela", ha affermato la Prof.ssa Valérie Fournier dell'Università Laval che ha collaborato con la squadra dell'Università di York. "I ricercatori hanno scoperto che i livelli realistici sul campo di boscalide possono rendere i neonicotinoidi due volte più tossici per le api."

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo