Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Immagine Simbolica Sistema Immunitario

 

Alcuni scienziati hanno scoperto nuove informazioni chiave su come potenziare la lotta contro il cancro da parte del nostro sistema immunitario. La loro ricerca ha rivelato un trucco che le cellule sane utilizzano per prevenire la soppressione indebita della risposta immunitaria.

Lo studio, effettuato da un gruppo di scienziati dell'Università di York e della Queen Mary University di Londra, potrebbe condurre ad un miglior utilizzo e gestione delle immunoterapie tumorali. Il nostro sistema immunitario ha un notevole potenziale per eliminare cellule pre-cancerose o tumorali. Tuttavia, spesso le cellule tumorali sviluppano la capacità di emettere dei segnali "fuori" o "off", ossia di "negazione" alle cellule immunitarie, rendendole indifferenti alla loro natura tumorale.

Questi segnali "fuori" sono chiamati "control point immuni". Negli ultimi cinque anni, il modo di trattare il cancro si è in parte trasformato, grazie allo sviluppo di farmaci che cercano di fermare questi segnali "off", al fine di risvegliare il nostro sistema immunitario. La ricerca si è concentrata su PDL1, una proteina di controllo immunitario ed un bersaglio prominente dell'immunoterapia per il cancro. I ricercatori sono stati ispirati dal fatto che i controlli immunitari non sono solo presenti nelle cellule tumorali. Esistono naturalmente nel nostro corpo per impedire alle cellule immunitarie di portare avanti risposte immunitarie prolungate o inutili, ad esempio come quelle che avvengono nelle malattie autoimmuni, ossia quando il nostro sistema immunitario attacca le nostre cellule sane o, comunque, causa problemi di vario tipo.

Sulla base di questa osservazione, piuttosto che esplorare come i controlli immunitari sono controllati nelle cellule tumorali, i ricercatori si sono chiesti come la proteina del controllo immunitario PDL1 sia controllata nelle normali cellule non cancerose. Conoscendo la normale biologia di questo importante obiettivo di farmaci, gli investigatori speravano di ottenere nuove informazioni sui modi di "ricaricare" le cellule tumorali in un modo che le rendesse suscettibili agli attacchi immunitari da parte del nostro sistema immunitario.

L'immunologo Dott. Dimitris Lagos del Centro per l'Immunologia e le Infezioni, che fa parte del Dipartimento di Biologia di York e Hull York Medical School, ha diretto la ricerca. Il Dott Lagos ha dichiarato: "Abbiamo voluto trovare i meccanismi che sopprimono i livelli di PDL1 nelle cellule sane. Fatto notevole, abbiamo scoperto che miR-155, una piccola biomolecola di una famiglia di geni chiamati microRNA, controlla i livelli PDL1. È interessante notare che miR-155 è nota da quasi un decennio per essere un regolatore chiave dell'immunità, ma la sua connessione con la funzione di regolazione del controllo immunitario è sfuggita agli scienziati: questa scoperta ha il potenziale di aiutarci a sviluppare un'efficace immunoterapia anti-cancro."

Il Dott. Tyson V. Sharp dell'Istituto di Cancer di Barts, Queen Mary University di Londra, che ha collaborato con il dottor Lagos nello studio, ha dichiarato: "L'immunofluorescenza, lo studio dell'immunità anti-cancro, è uno spazio di ricerca molto attivo nella medicina del cancro. Questa scoperta emozionante apre nuovi percorsi di ricerca che riteniamo possano aiutare a sviluppare trattamenti nuovi e più efficaci per il cancro, compresi tumori come il cancro polmonare e quello pancreatico. È necessario un maggiore lavoro per rivelare il pieno potenziale di questa nuova scoperta."

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo