Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Disestesia

 

La disestesia si manifesta quando una persona sperimenta una sensazione dolorosa, pruriginosa, bruciante o costrittiva. È causata da danni di qualche tipo ai nervi ed associata principalmente a condizioni neurologiche, come la sclerosi multipla o SM. Il termine "disestesia" è una combinazione delle parole antiche greche "dys" e "aesthesis", che si traducono con "anormale" e "sensazione". Da uno studio che ha coinvolto 428 persone affette da sclerosi multipla, si è notato che 12 su 100 partecipanti avevano sperimentato la disestesia almeno una volta nella loro vita.

La disestesia è causata da danni ai nervi, il che significa che i loro comportamenti diventano imprevedibili, causando segnalazioni inadeguate o non corrette. Questi messaggi confusi vanno al cervello, che spesso non riesce a capirli. Di conseguenza, il cervello sceglie semplicemente una sensazione nota o un mix di sensazioni con cui rispondere. In caso di disestesia, i nervi compromessi possono far sì che il cervello produca sensazioni anomale e scomode, che vanno da una lieve sensazione di formicolio a dolori acuti. Anche se questa condizione può essere dolorosa, può essere però confortante sapere che la disestesia non è un segno di danni ai tessuti. Normalmente i tessuti influenzati dalla condizione sono completamente funzionali e sani, anche se il prolungato uso improprio o la mancanza di utilizzo possono dare dei problemi.

I sintomi della disestesia possono essere a lungo termine o si verificano solo in modo intermittente, alcune persone con disestesia non sono troppo colpite mentre altre sono disabilitate; inoltre la disestesia è spesso il risultato di condizioni neurologiche che interessano i nervi. I sintomi della disestesia possono includere una sensazione di prurito che somiglia ad uno strisciamento sotto la pelle. I sintomi della disestesia variano fra gli individui, ma la maggior parte delle persone che sperimentano tale condizione tendono ad avere sintomi simili, che influenzano la pelle, il cuoio capelluto, il viso, la bocca, il tronco, le braccia e le gambe.

I sintomi più comuni associati alla disestesia includono: prurito o sensazione di bruciore che può assomigliare a una strisciamento sotto o sulla pelle; una sensazione di stringimento specialmente nel tronco, talvolta chiamata "abbraccio da sclerosi multipla"; una sensazione dolorosa inspiegabile, che spesso si irradia o si diffonde; sensazioni di formicolio; sensazioni di "spilli e aghi"; una sensazione di essere in fiamme; una sensazione sconvolgente e difficile da descrivere o spasmi muscolari lievi; una sensazione simile a quella data da muscoli dolenti; sensazione di scosse elettriche; dolore pungente; dolore o irritazione anche da minuscoli tocchi o nessun tocco; perdita dei capelli se il cuoio capelluto ne è influenzato. Molti casi di disestesia sono causati da condizioni progressive, il che significa che peggiorano nel tempo. Ci sono diversi tipi di disestesia, e ciascuno colpisce diverse parti del corpo.

La maggior parte delle persone con disestesia del cuoio capelluto può provare una sensazione intensamente dolorosa e bruciore sotto o sulla pelle del cuoio capelluto. Questo può portare ad un eccessivo grattarsi, normalmente senza il beneficio di alcun sollievo, così come la perdita dei capelli. La maggior parte delle persone affette da disestesia cutanea ha una pelle estremamente sensibile che non risponde in modo normale a stimoli esterni o tocchi. In alcuni casi, gli abiti sciolti o una brezza passeggera possono causare sensazioni di dolore, bruciore o irritazione.

Disestesia occlusale. Alcune persone con questo tipo di disestesia sperimentano la sensazione di mordere quando non stanno cercando di impegnare la mascella o mordere qualcosa. La disestesia occlusale è più comunemente un effetto collaterale o una complicazione di interventi dentistici.

Disestesia orale. La maggior parte delle persone che soffrono di disestesia orale presenta una sensazione inspiegabile di dolore o bruciore nella bocca o in strutture orali, fra cui la mascella, la lingua o le gengive. Possono anche sperimentare un alterato senso del gusto o una risposta alla temperatura e una capacità compromessa di parlare e mangiare.

La sclerosi multipla è una malattia che attacca il sistema nervoso centrale, e la disestesia è un sintomo di condizioni che sono dannose per i nervi. La disestesia è un sintomo di condizioni che danneggiano i nervi, in particolare quelli che mirano al sistema nervoso centrale o al midollo spinale e al cervello, come la SM. Questa è una condizione autoimmune in cui il corpo danneggia o distrugge la guaina mielinica, lo strato di tessuto adiposo protettivo che riveste i nervi, e che consente il passaggio degli impulsi elettrici. Quando il danno alla mielina è minimo, la segnalazione nervosa può essere solo leggermente o temporaneamente compromessa. Tuttavia, un danno ampio alla mielina può interrompere completamente la comunicazione nervosa, il che di solito causa dolori intensi e prolungati.

Tutto ciò che provoca danni ai nervi o che danneggia il sistema nervoso può provocare disestesia. Altre cause di disestesia includono: il diabete; la malattia di Lyme; la sindrome di Guillain Barre; l'astinenza o l'uso eccessivo di droghe o alcool; il virus dell'HIV; l'herpes zoster; l'ictus; la chirurgia dentale; interventi chirurgici.

Se la disestesia non è causata da una condizione a lungo termine, come la SM, allora la disestesia si risolve normalmente dopo pochi mesi. La disestesia è trattata farmacologicamente usando medicinali che modificano il modo con cui il sistema nervoso centrale elabora il dolore. Le opzioni comuni di trattamento farmaceutico o chirurgico per la disintesi includono: farmaci che combattono le crisi di astinenza; antidepressivi; alcune benzodiazepine; antidolorifici orali o antinfiammatori; creme o pomate all'idrocortisone; taglio chirurgico dei nervi danneggiati nei casi più gravi.

Le opzioni di trattamento naturale per la disestesia includono: l'applicazione di compresse calde o borse di riscaldamento all'area interessata o, al contrario, applicare un raffreddamento o del ghiaccio alla zona interessata; indossare calze, pantaloni o guanti pressurizzati, se possibile; garantire un sonno sufficiente; rimanere idratati;  utilizzare lozioni, creme e liscivi di calamina o aloe; applicare creme per avere sollievo dal dolore; impegnarsi nella meditazione per aiutare a passare attraverso il dolore o il disagio; fare esercizi che coinvolgono un leggero stretching; trovare ed evitare i punti sensibili, per quanto possibile; evitare il caldo o ambienti con temperatura elevata, e non surriscaldarsi durante l'esercizio fisico; scegliere vestiti freschi, preferibilmente di cotone e così anche la biancheria da letto; fare bagni tiepidi con sali Epsom e avena colloidale prima di coricarsi; provare terapie come il massaggio, la chiropratica, l'agopuntura o l'acupressione e l'idroterapia; provare la terapia di biofeedback, che coinvolge sensori elettrici; essere coinvolti in gruppi di sostegno; impegnarsi nel counseling; smettere di fumare. Alcuni rimedi domestici possono contribuire a ridurre l'intensità o la frequenza dei sintomi.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo