Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Riparazione Del DNA

 

I ricercatori dell'Università di Siviglia, in collaborazione con l'Università di Sussex del Regno Unito ed altre Istituzioni, hanno recentemente pubblicato uno studio su Nature Communications, in cui mostrano di aver compiuto un importante passo avanti nella comprensione di cosa può accadere se non il DNA non è correttamente riparato. Si possono infatti avere alcune interruzioni del DNA che fanno scambiare parti di acido desossiribonucleico con altre, in modo da generare la cosiddetta traslocazione cromosomica.

Molte tipologie di rotture del DNA vengono spesso prodotte nelle cellule. La loro corretta riparazione è essenziale per la prevenzione della destabilizzazione del genoma, che può causare lo sviluppo di malattie come il cancro. In questo progetto è stato studiato un tipo molto specifico di rottura cromosomica, che può accadere durante l'espressione di alcuni geni.

Il Dott. Fernando Gómez Herreros, che lavora presso l'Università di Siviglia ed è l'autore principale dello studio, ha spiegato: "Sono interruzioni generate da enzimi chiamati topoisomerasi del DNA, e forse la più rilevante è prodotta durante l'espressione di alcuni geni, quelli che poi traslocano." In questo progetto, gli esperti descrivono come il meccanismo di riparazione specifico di queste interruzioni impedisce la formazione di alcune strutture cromosomiche aberranti chiamate traslocazioni. Le traslocazioni consistono in frammenti cromosomici completi che si muovono da una parte del genoma all'altro. "Queste sono l'origine dei tumori solidi e della leucemia, come leucemia mieloide secondaria acuta, quindi suggeriamo che il meccanismo descritto in questo progetto possa essere coinvolto nel prevenire la formazione di alcuni tipi di cancro", ha aggiunto Gómez Herreros.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo