Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Emicrania

 

Sembra che un'elevata percentuale di bambini, adolescenti e giovani adulti con emicrania abbiano delle lievi carenze di vitamina D, di riboflavina e del coenzima Q10, una sostanza vitale che si trova in ogni cellula del corpo e che viene utilizzata per produrre energia per la crescita ed il corretto funzionamento delle cellule. Queste carenze possono essere una delle cause dell'emicrania in molti pazienti, ma ciò non è chiaro sulla base di studi recenti.

La Dott.ssa Suzanne Hagler, un medico specializzato nella diagnosi e cura del mal di testa che lavora presso la Divisione di Neurologia del Cincinnati Children's Hospital Medical Center ed autrice principale di un recente studio in proposito, ha affermato: "Sono necessari ulteriori studi per chiarire se l'integrazione vitaminica è efficace nei pazienti con emicrania in generale, e se i pazienti che hanno un lieve deficit vitaminico hanno maggiori probabilità di beneficiare di un supplemento."
La Dott.ssa Hagler ed i suoi colleghi hanno condotto lo studio fra i pazienti del Centro per la cefalea della struttura sanitaria pediatrica presso cui lavorano. Hanno presentato i risultati di questa ricerca il 10 giugno del 2016 al 58° incontro scientifico annuale della American Headache Society di San Diego.

Questa ricerca ha utilizzato le informazioni contenute in un database riguardante pazienti con emicrania, ai quali erano stati analizzati i livelli basali ematici di vitamina D, riboflavina, coenzima Q10 e folato, tutte sostanze coinvolte in studi precedenti sull'emicrania e talvolta indicanti risultati contrastanti. Molti di questi pazienti hanno ricevuto dei farmaci per prevenire l'emicrania ed un supplemento di vitamine, se i livelli di queste erano bassi. Poiché solo pochi pazienti hanno ricevuto questo tipo d'integrazione, i ricercatori non sono stati in grado di determinare l'efficacia delle vitamine nella prevenzione dell'emicrania.

Si è comunque scoperto che le ragazze e le giovani donne avevano maggiori probabilità di andare incontro a questa correlazione fra carenze vitaminiche ed emicrania, mentre i ragazzi e i giovani sono più inclini ad avere questa associazione in base ai livelli di coenzima Q10 e, ugualmente, di vitamina D. Non è risultato chiaramente se c'è una correlazione con la carenza di folato. I pazienti affetti da emicrania cronica avevano maggiori probabilità di avere un deficit di coenzima Q10 e di riboflavina, rispetto a quelli con emicrania episodica.

Alcuni studi precedenti avevano indicato che alcune carenze vitaminiche e la loro integrazione possono essere fattori importanti in caso di emicrania. Tuttavia, ora non è ancora chiaro se sia sufficiente l'integrazione vitaminica per prevenire o curare l'emicrania.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo