Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Ospedale Maria Vittoria

 

L'Ospedale Maria Vittoria, fondato nel 1897 dal Prof. Giuseppe Berruti, fa parte dell'ASL Città di Torino ed è uno dei cinque Ospedali Generali di riferimento del capoluogo piemontense. L'ingresso principale è in via Cibrario 72, e l'accesso al Pronto Soccorso o DEA (Dipartimento di Emergenza ed Accettazione) si trova in corso Tassoni 46. Il Direttore Sanitario è il Dott. Paolo Mussano, il numero di telefono (centralino) è 0114393111 ed il Fax è 0114393273. Il telefono dell'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP) è 0114395815 - 0114395820 ed il Fax è 0114395845. Il numero totale di posti letto è di 302, di cui 47 per i ricoveri in regime di Day Hospital; in questo ospedale lavorano 450 dipendenti.

L'Ospedale Maria Vittoria di Torino è stato premiato nel 2007 e nel 2010 con 3 bollini rosa dall'Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna, per il Progetto Ospedale Donna. Le principali strutture di questo nosocomio sono: l'Area di Coordinamento Chirurgico, il DEA o Pronto Soccorso, l'Area di Coordinamento Medico, l'Accettazione Stato Civile, l'Anatomia Patologica, l'Assistenza Sociale, l'Assistenza Spirituale, l'Area del Benessere organizzativo e della Sicurezza dei lavoratori, le Camere Mortuarie, il Centro Regionale per le Malattie Prioniche (DOMP), la Chirurgia Laparoscopica Universitaria, l'Immunoematologia e Medicina Trasfusionale, il Laboratorio Analisi, l'Oncologia, l'Ematologia, la Dietologia.

I prelievi ed il ritiro di materiale biologico dai bambini da 0 a 6 anni avvengono presso l'UOA di Pediatria, su richiesta del pediatra di famiglia. Il reparto di pediatria è situato nel Padiglione A ed i referti si ritirano in via Medail 1. Presso l'Ospedale Maria Vittoria è anche possibile ritirare i Farmaci H (non reperibili in farmacie aperte al pubblico), con la presentazione del piano terapeutico.

Il reparto di Otorinolaringoiatria si trova al secondo piano del padiglione D; la Neuropsichiatria infantile è situata nel piano rialzato del Padiglione N; il raparto di Chirurgia 1 è al primo piano del Padiglione E; la Chirurgia 2 segue le problematiche di tipo oncologico ed è al primo piano del Padiglione E. Questo reparto è convenzionato con la Scuola di Specializzazione in Oncologia dell'Università di Torino. Il reparto di Cardiologia si trova al piano terra e tratta le patologie cardiovascolari acquisite o congenite, offrendo anche servizi di diagnostica strumentale e di tipo chirurgico. Il reparto di oculistica si trova al secondo piano del Padiglione G; il reparto di Medicina Fisica e di Riabilitazione si trova al piano rialzato del Padiglione E, e si occupa di rieducazione motoria e logopedia. Il reparto di emodinamica è situato nel piano interrato della Palazzina D; il reparto di Neonatologia si trova al secondo piano del Padiglione F.

Il reparto di Odontoiatria e Stomatologia può essere contattato tramite il numero di telefono 0114393212; il reparto di Urologia si trova al secondo piano del Padiglione E; il reparto di Neurologia si trova al primo piano del Padiglione A/N, e tratta le patologia del Sistema Nervoso Centrale, Periferico Somatico e Periferico Autonomo, nonché le patologie di natura prionica. Il reparto di Ostetricia e Ginecologia è situato nel secondo piano del Padiglione F; il reparto di Pneumologia si può contattare al numero di telefono 0114393918; il reparto di Radiologia Diagnostica si può contattare ai numeri 0114293249 e 0114393250. Per quanto riguarda le suddette patologie causate dai prioni, l'Ospedale Maria Vittoria di Torino è sede del Centro Regionale Malattie Prioniche (DOMP), che si trova al primo piano del Padiglione A/N (Neurologia).

 

Proteina Prionica Umana

 

Le malattie causate dai prioni sono delle patologie neurodegenerative, ed i priori si possono definire come "particelle infettive di natura proteica". Queste malattie sono causate da forme erroneamente ripiegate della proteina prionica, nota come PrP. Queste malattie colpiscono molti diversi mammiferi, oltre agli esseri umani: c'è la scrapia delle pecore, il morbo della mucca pazza e la malattia del dimagrimento cronico nei cervi.

Le forme umane delle malattie da prioni sono spesso note come il morbo di Creutzfeldt-Jakob (CJD), l'insonnia familiare fatale (FFI), la sindrome di Gertsmann-Straussler-Scheinker (GSS), il Kuru e la prionopatia della proteasi variabile (VPSPr). Tutte queste malattie sono causate da versioni solo leggermente diverse della stessa proteina, così ci si riferisce a queste patologie come "malattie da prioni".

Anche se le malattie da prioni hanno forme leggermente diverse, hanno molte cose in comune. In ogni patologia, la proteina prionica (PrP) si ripiega nel modo sbagliato, diventando un prione, e facendo sì che altre molecole PrP facciano altrettanto. I prioni possono quindi diffondersi "silenziosamente" in tutto il cervello di una persona per anni, senza causare alcun sintomo. Alla fine i prioni iniziano ad uccidere i neuroni, ed una volta che insorgono i sintomi, la persona ha un declino cognitivo molto rapido. La maggior parte delle malattie da prioni sono fatali nel giro di pochi mesi, anche se a volte si possono protrarre per alcuni anni.

Le malattie prioniche, negli esseri umani, sono piuttosto rare (circa una persona su un milione muore ogni anno per queste patologie). Le cause possono essere di tre tipi: per acquisizione, per via genetica o sporadica. L'acquisizione consiste nell'esposizione di una persona ai prioni, con conseguente infezione. Anche se i prioni fanno paura, entrano difficilmente nel corpo umano, quindi l'infezione è il modo meno comune con cui si manifesta la patologia. In Papua Nuova Guinea ci fu una famosa epidemia di Kuru, trasmessa da persona a persona per via del cannibalismo, ma ora questo non avviene quasi più. Poi c'è la malattia della mucca pazza o encefalopatia spongiforme bovina, che può essere trasmessa agli uomini attraverso il cibo contaminato. La forma umana di questa malattia si chiama variante di Creutzfeldt-Jakob (CJD), ed ha ucciso circa 200 persone nel Regno Unito dal 1994. Oggi solo poche persone muoiono per questa patologia ogni anno. Ci sono stati anche casi in cui la malattia prionica si è trasmessa per mezzo di strumenti chirurgici contaminati, attraverso integratori contenenti l'ormone della crescita o attraverso i trapianti di dura madre (un tessuto che circonda il cervello). Queste infezioni sono chiamate dai medici "infezioni iatrogene".

Le malattie da prioni possono avere anche cause genetiche, dal momento che alcune mutazioni del DNA possono produrre la formazione di proteine PrP mutate. Queste forme mutanti di DNA non producono priori istantaneamente, e la maggior parte delle persone che ne è affetta vive in perfetta salute per decenni. Tuttavia, con l'invecchiamento, le proteine prioniche iniziano a ripiegarsi in maniera errata, diventando prioni e causando malattie neurodegenerative. Anche se questi tipi di patologie sono genetiche, non si ha necessariamente una trasmissione per via ereditaria, dal momento che la mutazine genetica può avvenire anche se si è figli di persone sane. Secondo una stima, il 60% delle persone affette da patologie prioniche di natura genetica non ha una storia familiare di malattia.

Infine, le malattie prioniche possono essere semplicemente "sporadiche", il che significa che non si sa perché accadono. Alcuni sostengono che le malattie prioniche sporadiche si verificano quando una proteina prionica si ripiega per caso erroneamente, per poi diffondersi. Altri pensano che la malattia può iniziare con una cellula che ha una mutazione spontanea del DNA ed inizia a produrre proteine PrP mutanti. Non sappiamo quale sia la vera causa. In entrambi i casi, le persone ammalate non sono state esposte a prioni e non hanno mutazioni genetiche. La forma sporadica della malattia da prioni è di gran lunga la più comune. Si stima che i casi sporadici, nell'uomo, siano l'85%, quelli genetici il 15% e quelli acquisiti meno dell'1%.

 

Ospedale Maria Vittoria Via Cibrario

 

L'Ospedale Maria Vittoria dell'ASL Città di Torino è anche un punto di raccolta e di registrazione delle volontà di donazione e prelievo di organi e tessuti. Chi desidera sapere di più riguardo alla donazione di organi e tessuti può contattare l'Ufficio Accettazione, situato al piano terra del Padiglione G, ai numeri di telefono 0114393473 e 0114393536.

La donazione di organi si ha quando una persona permette che dei suoi organi o tessuti sani possano essere rimossi, sia dopo la morte, sia quando il donatore è ancora in vita, e che vengano trapiantati in un'altra persona. I trapianti più comunemente effettuati riguardano i reni, il cuore, il fegato, il pancreas, l'intestino, i polmoni, le ossa, il midollo osseo, la pelle e le cornee. Alcuni organi e tessuti possono essere donati da un donatore vivente, come un rene o una parte di fegato, ma la maggior parte delle donazioni avviene dopo la morte del donatore. Per quanto riguarda i donatori viventi, la donazione di organi comporta in genere numerosi test prima della sua effettuazione, compresa una valutazione psicologica. Il giorno della donazione, il donatore ed il ricevente arrivano in ospedale, proprio come nel caso di qualsiasi altro intervento chirurgico importante. Per quanto riguarda i donatori morti, il processo inizia con la minuziosa verifica del reale stato di morte, per poi determinare quali organi possano essere donati e la verifica dei consensi. La verifica dello stato di morte è spesso fatta più volte, per evitare che i medici trascurino qualche segno di vita residuo, per quanto piccolo.

 

Visuale Ospedale Dalla Chiesa San Alfonso 1930

 

Presso l'Ospedale Maria Vittoria sono attivi quattro ambulatori dove è possibile prenotare una visita gratuita per la prevenzione dei tumori, per quanto riguarda i seguenti organi: utero, mammella, retto, colon, naso, gola, laringe. Si tratta dell'iniziativa "Dedica un sabato alla tua salute" dell'Associazione per la prevenzione e la cura dei tumori in Piemonte onlus. Le visite sono gratuite ed avvengono il sabato mattina. Non è necessaria l'impegnativa del medico di base né il pagamento del ticket.

Nel 2008 vennero conteggiati circa 12,7 milioni di casi di cancro in tutto il mondo, e 7,6 milioni di decessi, nonostante le prove schiaccianti che molti tumori sono prevenibili. I tassi di sopravvivenza stanno migliorando, ma oltre mezzo milione di persone muore di cancro nei soli Stati Uniti ogni anno. Il cancro e le malattie cardiovascolari sono le prime cause di morte negli Stati Uniti per le persone di età inferiore agli 85 anni. Lo screening e la prevenzione possono ridurre la mortalità. Lo screening rileva delle anomalie prima che siano clinicamente evidenti, permettendo d'intervenire prima che il cancro si sviluppi o quando è in fase iniziale, quando il trattamento è spesso efficace. La prevenzione si concentra sulla modifica dei fattori di rischio ambientali e dello stile di vita. Si stima che il 50% dei casi di cancro si può prevedere.

 

 

L'Ospedale Maria Vittoria e, nella fattispecie, il reparto di Oculistica, è anche un Centro di eccellenza per la cura della "retinopatia del pretermine" (ROP), una malattia rara che, se non diagnosticata e curata in tempo, può portare alla cecità. Ogni anno, nel mondo, nascono circa 15 milioni di neonati prematuri, alcuni dei quali possono essere affetti da retinopatia del pretermine. Si tratta di una malattia vascolare della retina che si sviluppa, per l'appunto, nei neonati prematuri. Ogni anno molti neonati prematuri colpiti da ROP giungono in questo ospedale nella speranza di aver salva la vista, non solo dal Piemonte ma da tutta Italia.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Disagio Socio Economico

 

L'organizzazione internazionale Save the Children, in collaborazione con Vides Main, ha da tempo attivato presso l'Ospedale Maria Vittoria di Torino un progetto denominato "Fiocchi in Ospedale", il cui obiettivo primario è quello di offrire dei servizi di sostegno di vario tipo ai bambini, nonché alle loro famiglie, che si trovano in condizioni di difficoltà sociale ed economica. L'iniziativa, già attivata precedentemente nel quartiere delle Vallette, si avvale di una collaborazione fra il Dipartimento Materno Infantile dell'ASL Città di Torino e le organizzazioni suddette. Nell'ambito del territorio torinese sono presenti diversi servizi come i consultori familiari e pediatrici, propri dell'Azienda Sanitaria Locale di questa città, e questo progetto rappresenta un loro rafforzamento ed integrazione, anche per l'interesse e l'aiuto dimostrati nei confronti dei bambini prima e dopo la nascita. Le difficoltà a cui una famiglia può andare incontro non sono solo di tipo sociale ed economico, ma anche psicologico e, nel caso di cittadini di origine straniera, di natura linguistica e culturale.

I duri effetti della povertà sulla salute cominciano già prima che i bambini nascano, accumulandosi durante le loro vite da adulti. I bambini che nascono in famiglie a basso reddito, spesso, vivono in case piene di stress, si alimentano poveramente, ed in alcune zone del mondo vivono inoltre in ambienti fortemente inquinati e con lacune sanitarie di ogni genere. Queste persone, a fatica, potranno migliorare le loro condizioni di salute. Gli esperti di tutto il mondo, spesso si riuniscono precisando il forte legame che esiste fra la povertà e le malattie, discutendo circa gli sforzi che dovrebbero essere fatti per migliorare la salute e la qualità della vita di milioni di persone.

Questo fenomeno riguardante la correlazione fra condizione socio-economica e salute non è presente solo nei Paesi del cosiddetto "Terzo Mondo" o "in via di sviluppo", ma anche in Nazioni "ricche", come quelle Europee e gli Stati Uniti d'America. Secondo alcuni risultati pubblicati sulla rivista medica online JAMA, negli USA esiste un divario considerevole fra l'aspettativa di vita delle persone povere e di quelle ricche, stimato fra i 10 e i 15 anni. Nell'ambito di un grande studio a lungo termine, che ha coinvolto i dati riguardanti 1,4 miliardi di persone che hanno vissuto e che vivono nel continente americano, i ricercatori hanno ottenuto informazioni inerenti il rapporto fra reddito e mortalità fra il 1999 e il 2014, per giungere alla conclusione che questo legame esiste veramente. Inoltre, un basso reddito famigliare è collegato ad un minor peso dei bambini alla nascita, il che aumenta una serie di problemi sanitari ed educativi.

Lacune di questo tipo non sono una sorpresa per il Dott. James Duffee, che ha svolto la professione di pediatra a Springfield, nell'Ohio, per più di vent'anni, servendo principalmente bambini e famiglie a basso reddito. Il Dott Duffee ha affermato: "La povertà è un fattore negativo e indipendente che influenza la salute in maniera permanente. Attraverso lo studio dello stress nocivo, comprendiamo che le avversità e la povertà nella prima infanzia sono dei fattori che non solo influenzano l'architettura del cervello e le funzioni neurologiche ed endocrine, ma aumentano il verificarsi di malattie permanenti, incluse quelle cardiache e il diabete."

Il ruolo insidioso dello stress comincia presto. "Se un bambino è esposto a stress costante durante l'infanzia, il meccanismo dello stress, essenzialmente, non viene mai spento. In conseguenza di ciò possono aumentare la frequenza cardiaca e la pressione sanguigna. Gli adulti che vivono in povertà, hanno maggiori probabilità di avere malattie infiammatorie, con un aumento del rischio d'infarto e ictus. Molte malattie che si verificano negli adulti hanno origine da un'infanzia depressa. Le persone che vivono in povertà hanno maggiori probabilità di fumare, mettendo così ad un rischio più elevato di cancro i polmoni ed altre condizioni respiratorie."

Il Dott. Bernard Dreyer, presidente dell'Accademia Americana di Pediatria, ha affermato: "La gente è spesso sorpresa per l'aumento degli incidenti e delle morti che si verificano fra i bambini poveri, ma non è così difficile da capire. Vivono in ambienti più pericolosi, i loro genitori sono stressati e spesso lavorano in più posti di lavoro, vivono in alloggi precari ed in quartieri pericolosi, dove possono essere uccisi da armi da fuoco o feriti."

In tutto ciò c'è anche un paradosso, almeno a prima vista. Le persone povere, spesso, sono anche obese. A questo proposito Dreyer ha affermato: "La risposta è piuttosto semplice. Il cibo più economico che puoi acquistare, di solito, è costituito da alimenti ad alto contenuto calorico e ricchi di grassi. Le persone possono vivere in zone definibili 'deserti alimentari', ossia in quartieri in cui è difficile avere accesso a verdure fresche ma con molti fast food. Con questa combinazione, le persone che hanno fame, quando prendono cibo, mangiano molto." Più raramente, ma non troppo, non c'è davvero abbastanza da mangiare. Quando succede, Duffee diche che "la verità è che la maggior parte dei genitori salta il proprio pasto per nutrire i bambini. Quasi la metà dei bambini che vivono in povertà hanno delle madri con qualche sintomo di depressione, a causa delle sollecitazioni a cui sono sottoposte nell'allevare una famiglia in queste circostanze."

Duffee ha ricordato una situazione recente. "Ho visto una famiglia con due figli, i genitori ed una ragazzo più grande tutti nella stessa camera. Il 'paziente' era un ragazzo di nove anni molto sconvolto. Il padre mi ha detto: 'Perché non fa quello che gli dico? Non capisco perché abbia questo disappunto e perché mi odi.' A metà del colloquio la madre si è rivolta a me e mi ha detto: 'C'è qualcosa che probabilmente hai bisogno di sapere: siamo senza casa e viviamo in una stanza d'albergo.' Così ho detto al padre: 'Posso capire che questo ragazzo è estremamente sconvolto perché vivi in una stanza d'albergo e non hai una casa, e vivete tutti e cinque in una stanza. E ti aspetti che lui esegua i tuoi ordini?"

Duffee ha spiegato che i bambini rispondono a questo tipo di avversità in due modi: sia con comportamenti esteriori sia con depressione, interiorizzando le loro reazioni. "Questo ragazzo stava esprimendo la sua sofferenza facendo opposizione."

Duffee ha inoltre riferito che l'acqua contaminata da piombo è stato un diffuso pericolo per la salute, anche se questo è diminuito negli ultimi decenni. Ma la minaccia rimane. Ha detto: "A causa della carenza delle infrastrutture delle città, il piombo sta diventando sempre più preoccupante. Quando le infrastrutture si deteriorano, il piombo viene rilasciato nelle tubature più vecchie." Duffee ha fatto notare la crisi dell'acqua a Flint, in Michigan, come esempio recente. "Non esiste un livello sicuro di esposizione al piombo. L'esposizione al piombo nei primi due anni di vita può causare danni permanenti e irreparabili al cervello. Non sempre, ma può."

Duffee ha riferito che i pediatri stanno avendo un interesse crescente per la promozione precoce della salute orale. Effettuare delle applicazioni di fluoro durante le visite ai bambini riduce significativamente il rischio di carie dentale. La salute della visione, anche se coperta da Medicaid, può ancora essere un problema. I bambini spesso rompono gli occhiali, e quindi rimangono senza perché non ci sono abbastanza soldi per sostituirli. Il fatto che i bambini, a volte, non possano vedere correttamente ha un "assoluto" impatto negativo sull'educazione. L'insufficiente cura dentale aiuta a perpetuare il ciclo della povertà, ha spiegato Barbara Wolfe, professoressa specializzata in economia sanitaria presso l'Università del Wisconsin-Madison. "Se un individuo non ha avuto un'adeguata assistenza sanitaria orale, come un bambino o un adolescente, e poi perde i denti, questo rende molto difficile trovare un lavoro."

Wolfe ha affermato che il legame fra povertà e salute, spesso, ha un andamento in entrambe le direzioni, con persone adulte che hanno condizioni di salute cagionevoli che molto probabilmente hanno un reddito inferiore rispetto ad altre persone in buona salute. D'altra parte, un reddito maggiore può migliorare le condizioni di salute. In una ricerca condotta da Wolfe che ha coinvolto alcune tribù di nativi americani a cui è stato dato un lavoro, si sono trovati miglioramenti per la salute mentale, per la depressione e per l'ansia. In altri studi che hanno coinvolto gruppi di persone a cui è stata data la possibilità di avere un reddito costante, sono stati trovati dei piccoli miglioramenti per quanto riguarda la pressione sanguigna fra le persone affette da ipertensione, molte delle quali hanno bisogno di correzioni alla vista.

La riduzione del divario sanitario dovrebbe iniziare alla nascita ed anche prima. Wolfe ha affermato: "Abbiamo passato molto tempo a fornire assistenza sanitaria, soprattutto attraverso Medicaid, alle donne a basso reddito. In questo Paese abbiamo delle politiche che cercano di ridurre dei risultati che potrebbero essere prevenuti solo con la cura prenatale." In seguito ha spiegato: "Il problema è che abbiamo bisogno di migliorare le condizioni di vita e di valorizzare le persone, piuttosto che combattere per mantenerle in vita. Alcune buone notizie riguardano i programmi come il Supplemental Nutrition Assistance Programme (o bolli alimentari), i programmi WIC, i pasti nelle scuole ed alcuni crediti fiscali che sono permanentemente in atto." È stato anche migliorato l'accesso ai centri sanitari comunitari. "Abbiamo diffuso questi centri di assistenza sanitaria in molte aree che non dispongono di fornitori adeguati."

I corsi del National Health Service Corps e del Nurse Corps forniscono finanziamenti e borse di studio ai medici di base e agli studenti, in cambio del loro servizio in comunità meno qualificate. Secondo il sito web di NHSC, quasi 10.000 di questi medici, dentisti, infermieri, assistenti medici e psichiatri stanno fornendo un'assistenza sanitaria primaria a milioni di persone che non hanno assistenza medica.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo