Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Donna Incinta

 

Un nuovo studio sulle donne in stato di gravidanza ha mostrato che la sindrome delle gambe senza riposo è comune, ed è fortemente associata ad una scarsa qualità del sonno, alla sonnolenza eccessiva e alla funzionalità diurna, che sono frequenti punti deboli durante la gravidanza. I risultati hanno evidenziato che il 36% delle donne, nel terzo trimestre di gravidanza, aveva la sindrome delle gambe senza riposo o irrequiete, e che la metà delle donne con tale disturbo aveva sintomi moderati o severi. Rispetto alle donne in gravidanza senza questo disturbo, i pazienti con tale condizione avevano una probabilità doppia di segnalare una scarsa qualità del sonno ed una scarsa funzionalità diurna, con una probabilità maggiore di avere una sonnolenza diurna eccessiva. Inoltre, in questo studio si è trovata una relazione positiva dose-risposta fra la gravità della sindrome e i disturbi del sonno-veglia.

Il Dott. Galit Levi Dunietz, autore principale dello studio e ricercatore di post-dottorato presso l'Università del Michigan, ha affermato: "Anche se ci aspettavamo che la sindrome delle gambe senza riposo sarebbe risultata relativamente comune nelle donne in gravidanza, siamo rimasti sorpresi di osservare quante di esse avevano una forma grave. Queste donne hanno sperimentato sintomi di tale condizione almeno quattro volte alla settimana." I risultati dello studio sono pubblicati sul Journal of Clinical Sleep Medicine.

Lo studio ha coinvolto 1.563 donne in gravidanza, aventi un'età media di 30 anni, ognuna delle quali era nel terzo trimestre. La sindrome delle gambe senza riposo o RLS è stata diagnosticata utilizzando criteri standardizzati basati sui sintomi e sulla frequenza auto-segnalati. I dati demografici e la gravidanza sono stati estratti da cartelle mediche, e le informazioni sul sonno sono state raccolte con questionari. Secondo gli autori, i fornitori di assistenza sanitaria spesso non badano molto alle lamentele dei pazienti riguardanti il sonno povero e la sonnolenza durante la gravidanza.

"Questi disturbi sonno-veglia sono considerati sintomi comuni in gravidanza e sono spesso attribuiti a cambiamenti fisiologici che si verificano in gravidanza normale, ma i nostri dati suggeriscono che la RLS dà un ulteriore contributo a questi sintomi", ha detto Dunietz. Gli autori suggeriscono che l'identificazione e il trattamento della RLS in gravidanza, utilizzando approcci non farmacologici, possono alleviare l'onere di questi sintomi per molte donne.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo