Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Sinusite

 

I seni paranasali sono delle cavità all'interno del cranio di una persona, che si trovano intorno agli occhi e al naso, ed all'interno della faccia anteriore. Queste cavità aiutano a rendere il cranio più leggero. Inoltre, producono del muco che aggiunge umidità ai passaggi nasali. Il muco fornisce uno strato protettivo che aiuta a trattenere le particelle indesiderate come inquinanti, sporcizia e microrganismi patogeni. I seni paranasali sono tappezzati da ciglia, che sono cellule molto sottili come capelli. Le ciglia aiutano a scaricare il muco attraverso dei passaggi che vanno dai seni paranasali al naso.

La chirurgia dei seni paranasali è una procedura che mira ad aprire i passaggi bloccati. Questa è un'operazione che viene eseguita su persone con infezioni sinusali in corso e ricorrenti, e su persone con anomalie alla struttura del seni paranasali o una loro crescita anormale. Un medico, spesso, prova a prescrivere altri trattamenti e procedure, prima di ricorrere alla chirurgia. Se questi non funzionano, può essere necessaria un'operazione. La chirurgia dei seni paranasali può comportare un po' di disagio, ma solitamente è una procedura breve che ha poche complicazioni.

La sinusite è un'infezione dei passaggi nasali, che può causare pressione, mal di testa, naso chiuso e congestione. L'obiettivo dell'intervento è quello di rimuovere tutto ciò che blocca i percorsi di drenaggio dei seni paranasali. Questo può includere la rimozione di sottili pezzi di ossa, membrane mucose, polipi nasali, tessuto gonfio o danneggiato, tumori o crescite che bloccano i passaggi nasali o dei seni paranasali. Una persona può richiedere la chirurgia dei seni paranasali per trattare una serie di problemi, ed i motivi più comuni sono la sinusite ed i polipi nasali.

Una persona che soffre di sinusite può avere i seguenti sintomi: pressione intorno al naso, agli occhi o alla fronte, naso chiuso, drenaggio nasale spesso e scolorito, tosse, congestione della testa e mal di testa, gocciolamento post-nasale e cattiva degustazione, orecchie tappate o cambiamenti nell'udito.

I polipi nasali sono gonfiori della mucosa nasale all'interno dei passaggi del naso e dei seni paranasali. Possono variare in dimensioni, ma solitamente sono a forma di lacrima. I polipi più grandi possono portare a problemi respiratori e possono influenzare il senso dell'odore in alcune persone. Possono anche bloccare i passaggi dei seni paranasali, e questo può causare infezioni. Alcune persone affette da polipi nasali possono non avere sintomi, tuttavia quelli più comuni includono: naso tappato, che porta a difficoltà respiratoria, naso che cola e che gocciola, ricorrenti infezioni dei seni paranasali, senso ridotto di odore e gusto, dolore facciale, mal di testa, russare, apnea notturna.

La chirurgia dei seni paranasali può anche essere necessaria in caso di infezioni di altro tipo, blocchi continui, crescita anormale ed altri problemi che causano infiammazione nei passaggi del naso e di quelli paranasali. Il tipo più comune di chirurgia dei seni paranasali è la chirurgia endoscopica. Tuttavia, possono essere eseguite altre procedure. La chirurgia sinusale endoscopica funzionale o FESS viene eseguita mediante uno strumento denominato endoscopio. Si tratta di un tubo a fibre ottiche illuminato e sottile. L'endoscopio viene inserito nel naso per raggiungere le aperture dei seni paranasali.

L'endoscopio può essere dotato di micro-telescopi e strumenti chirurgici, utilizzati nella procedura. Il chirurgo utilizza questi strumenti per rimuovere i tessuti ostruttivi ed altri blocchi, al fine di liberare i seni paranasali. L'intera procedura è effettuata attraverso le narici e lascia poche cicatrici o nessuna. Può apparire qualche gonfiore, che però scompare abbastanza rapidamente. Una persona sottoposta a questo tipo di chirurgia, solitamente, prova solo un lieve disagio per un breve periodo di tempo. La FESS può essere eseguita anche frequentemente e, a volte, su base ambulatoriale.

La chirurgia endoscopica guidata dalle immagini è una procedura di utilizzo più recente, che può essere raccomandata per forme gravi di ostruzioni ai seni paranasali o dopo interventi precedenti. Oltre ad usare un endoscopio, questo tipo di chirurgia utilizza un sistema di mappatura quasi tridimensionale che mostra al chirurgo la posizione degli strumenti chirurgici. Questo viene fatto per mezzo di scansioni TAC e di raggi infrarossi. Utilizzando questo tipo di guida, il chirurgo può attraversare passaggi difficili dei seni paranasali, e rimuovere tessuti o altri blocchi in maniera accurata.

L'operazione Caldwell-Luc è una procedura meno comune e più invasiva. Tende ad essere eseguita quando c'è una crescita presente all'interno delle cavità dei seni paranasali. L'operazione Caldwell-Luc mira a rimuovere le crescite e a migliorare il drenaggio dei seni paranasali. Crea un percorso fra il naso e la cavità sotto l'occhio chiamata seno mascellare. Questo passaggio aiuta il drenaggio. Il chirurgo fa un taglio nella mascella superiore, sopra uno dei secondi denti molari all'interno della bocca, per poi entrare nelle cavità dei seni mascellari attraverso questo taglio. Questa operazione può essere eseguita sotto anestesia locale o totale.

Dopo la chirurgia si passa al recupero, innanzitutto effettuando un imballaggio nasale. L'imballaggio nasale è l'inserimento di materiale sterile sotto forma di garza nel passaggio nasale, per controllare il sanguinamento. L'uso dell'imballaggio dipende dal tipo d'intervento eseguito. L'imballaggio può essere assorbibile, e quindi dissolversi nel tempo, oppure non assorbibile, ed in questo caso un medico dovrà rimuoverlo. I periodi di recupero variano a seconda dell'operazione effettuata e di altri fattori, come l'età e la salute generale. Tuttavia, alcune persone sperimentano poco disagio dopo questi interventi chirurgici, e la maggior parte delle persone può andare a casa lo stesso giorno in cui è stata eseguita l'operazione. A seconda dell'estensione dell'intervento chirurgico, ad una persona possono essere somministrati dei farmaci antidolorifici. Ad ogni modo, dopo l'operazione ci possono essere: lieve disagio, fatica, congestione nasale e piccole quantità di sanguinamento.

La gente dovrebbe seguire attentamente le istruzioni del medico per quanto riguarda l'assistenza post-operatoria, e prendere tutti i farmaci come prescritto. Per le prime due settimane la routine quotidiana potrebbe essere un po' diversa. Comunemente, i farmaci prescritti dopo la procedura includono antibiotici, steroidi e sciacqui salini.

Esistono comunque delle possibili complicazioni che possono verificarsi dopo la chirurgia dei seni paranasali, per lo più rare, che includono sanguinamento, complicazioni intracraniche, danni all'occhio o al tessuto circostante, cambiamento del timbro di voce, perdita di odore o gusto, infezione e tessuto cicatriziale in eccesso.

Il sanguinamento dopo l'intervento chirurgico tende ad esaurirsi entro le prime 24 ore. Tuttavia, a volte può verificarsi anche per giorni o addirittura settimane. Per quanto riguarda le complicazioni intracraniche, ci può essere qualche problema al setto nasale. Il setto nasale si attacca al tetto del naso, e questo sottile strato di osso può essere danneggiato durante la chirurgia dei seni paranasali, ma è una complicazione molto rara. Il fluido cerebrale può penetrare nel naso e, in casi gravi, può portare ad un'infezione del rivestimento del cervello come la meningite. Anche se questo problema è estremamente raro, è spesso identificato e risolto nel corso dell'operazione. Inoltre, poiché i seni paranasali sono molto vicini agli occhi, qualche volta può verificarsi l'emorragia in un occhio. Ciò avviene quando viene danneggiato lo strato sottile di osso che separa il seno paranasale dall'occhio. Questo è un evento raro e, di solito, è anch'esso trattato durante l'intervento. In casi estremamente rari, sono stati riportati perdita di visione e cecità. Ci sono stati anche rari casi di danni ai muscoli che muovono l'occhio, che possono portare a doppia visione temporanea o permanente. In altri casi ci possono essere dei problemi ai canali lacrimali.

I seni paranasali influenzano la risonanza della voce di una persona. Una possibile complicazione causata da questi interventi può essere un cambiamento del timbro di voce, come detto. Solitamente, il senso dell'odore di una persona migliora a causa del ripristino del flusso d'aria. Tuttavia, a volte può invece peggiorare a seconda dell'entità del gonfiore o dell'infezione. Questo è spesso temporaneo, ma può anche essere prolungato. Il trattamento delle infezioni dei seni paranasali è uno dei motivi principali per cui vengono eseguiti questi interventi. Una persona affetta da sinusite, però, può sviluppare altre infezioni proprio a causa dell'operazione. Normalmente, la chirurgia dei seni paranasali migliora il flusso d'aria. Tuttavia, in casi rari, può invece esserci un peggioramento. Questo è dovuto a piccole quantità di tessuto cicatriziale che possono svilupparsi anche nei passaggi nasali, che richiedono un'altra procedura di rimozione.

Prima di ricorrere alla chirurgia, un medico prova normalmente ad utilizzare una varietà di altri trattamenti, fra cui: antibiotici, risciaquo o spruzzo nasale, spray decongestionanti nasali, spruzzatori nasali a base di steroidi, steroidi orali, farmaci per allergie ed antistaminici.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo