Questo sito web Salute Torino non è il sito ufficiale dell'ASL. Riguarda la sanità torinese un po' "a tutto tondo", la medicina e la scienza in generale. Buona lettura!

Login

SOCIAL NETWORK SALUTE TORINO      Login  Accedi - Registrati - Vai al tuo Profilo

Calcoli Renali

 

Uno studio recentemente pubblicato su un'autorevole rivista di nefrologia pediatrica mostra che le lipoproteine e gli acidi grassi in eccesso possono essere associati allo sviluppo di calcoli renali dolorosi e spesso cronici nei bambini. La ricerca è stata condotta presso il Dipartimento di Urologia del Children's Hospital del Michigan, e potrebbe avere importanti implicazioni per la diagnosi e il trattamento di un disturbo che attualmente provoca più di mezzo milione di visite al Pronto Soccorso negli Stati Uniti [e in altre parti del mondo] ogni anno. Oggi c'è una percentuale crescente di neonati, bambini e adolescenti affetti da calcoli renali, secondo i dati più recenti dell'Istituto Nazionale per il Diabete e le Malattie Digestive e Renali.

Quest'ultimo studio è una ricerca sperimentale prospettica controllata, la quale ha rilevato che "le anomalie del metabolismo lipidico [dei grassi] possono svolgere un ruolo importante nella formazione dei calcoli renali". L'individuazione di tali problemi del metabolismo dei grassi nei bambini "può avere benefici preventivi e terapeutici". Per giungere a questa conclusione, lo studio triennale ha esaminato la presenza di "proteine di trasporto correlate al metabolismo lipidico" in 16 bambini con calcoli renali, confrontando i livelli di proteine simili in 14 bambini non aventi questo disturbo. Il confronto ha rilevato "una significativa associazione fra un'elevato livello di metaboliti lipidici e le proteine di trasporto correlati ai calcoli renali pediatrici", secondo la Dott.ssa Kovacevic.

La Dott.ssa Kovacevic ha inoltre affermato: "Questo è il primo studio che dimostra che vi è sempre un notevole aumento della escrezione urinaria di questi metaboliti lipidici e di proteine di trasporto nei bambini con calcoli renali. Questa constatazione suggerisce che ciò che noi medici pediatri dovremmo fare per fornire un trattamento migliore ai bambini con calcoli renali è quello di iniziare a controllare i loro livelli di colesterolo e trigliceridi, anche se abbiamo solo delle informazioni preliminari e basate su dati provenienti da un numero limitato di soggetti pediatrici. Se questi livelli lipidici sono elevati, tali pazienti dovrebbero modificare le loro diete per ridurre l'assunzione di grassi o assumere farmaci efficaci, se è il caso."

La Dott.ssa Kovacevic ha dichiarato di essere grata per i finanziamenti che lei ed i suoi colleghi hanno ricevuto dall'Ospedale dei Bambini della Michigan Foundation, che hanno reso possibile lo studio. Ha aggiunto che "questi nuovi risultati sono abbastanza promettenti e siamo entuasiasti delle implicazioni per la diagnosi e il trattamento dei bambini con calcoli renali". La Dott.ssa Kovacevic ha inoltre affermato che lo studio è stato uno "sforzo collaborativo" fra la Clinica Pediatrica dell'Ospedale dei Bambini del Michigan ed un team di ricercatori con a capo il Dott. Yegappan Lakshmanan, direttore del Dipartimento di Urologia del medesimo ospedale. Contributi importanti sono stati anche offerti dal Dott. Hong Lu, dal Dott. Joseph A. Caruso e dal Dott. Ronald Thomas. Ha affermato: "Questo ospedale è unico perché ha un approccio veramente multidisciplinare nel trattamento dei bambini con questo problema. Il team comprende un nefrologo, un urologo ed un dietista. Può offrire una grande varietà di specialisti, addestrati al compito fondamentale di aiutare i bambini che lottano contro questo disturbo. I calcoli renali sono estremamente dolorosi e spesso si ripresentano. Ciò significa che questi bambini, a volte, non possono andare a scuola e svolgere altre attività, ed i loro genitori spesso affrontano una grande quantità di stress per prendersi cura di loro."

La Dott.ssa Kovacevic, che ha trascorso gran parte degli ultimi otto anni come nefrologa clinica, specializzata nella diagnosi e nella cura dei calcoli renali, ha detto che spera che lo studio pubblicato sulla rivista Nefrologia Pediatrica possa aiutare altri ricercatori a conseguire progressi simili. Ha detto: "Come specialista renale pediatrico, che ha partecipato a seminari mostrando presentazioni riguardanti questa condizione in tutto il mondo, negli ultimi anni, sono molto incoraggiata da questi nuovi risultati. Quello di cui ora abbiamo bisogno è di ampliare la nostra ricerca sulle cause di questo disturbo e di ideare strumenti di trattamento migliori per i bambini con calcoli renali. Altri nuovi risultati in questo settore potrebbero portare nuove e migliori opzioni di trattamento per ridurre l'assunzione di grassi, oltre a prevenire l'obesità infantile ed il sovrappeso, e potrebbero diventare obiettivi importanti per contribuire a ridurre l'impatto sulle condizioni di salute che ha tale disturbo, spesso debilitante."

L'Amministratore Delegato dell'Ospedale dei Bambini del Michigan, Luanne Thomas Ewald, si è congratulato con la Dott.ssa Kovacevic e con la clinica per i calcoli renali pediatrici per il loro approfondito studio, e ha dichiarato che "è un esempio convincente di come la ricerca clinica possa contribuire a migliorare le cure per i pazienti, giorno dopo giorno, aiutando a trovare nuove modalità di trattamento e nuovi metodi diagnostici". Ha affermato: "Il nostro obiettivo all'Ospedale dei Bambini del Michigan è di fornire risultati migliori per i nostri pazienti, e questa nuova pubblicazione su Nefrologia Pediatrica sembra che contribuisca molto a farlo."

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




Questo sito web utilizza i cookie per il suo funzionamento

Acconsento all'utilizzo dei cookie Per saperne di piu'

Approvo